Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

I magneti sul tuo frigorifero sono pericolosi?

© Sputnik . Evgeny UtkinUna ragazza in mascherina compra i souvenir
Una ragazza in mascherina compra i souvenir  - Sputnik Italia, 1920, 21.03.2021
Seguici su
Un magnete può causare un guasto all'apparecchio o avere un impatto negativo sul corpo umano? Il professore russo di fisica e divulgatore scientifico Yuri Mikhailovsky risponde a questa e ad altre domande a 'Sputnik'.

Molte persone amano collezionare magneti decorativi sul frigorifero perché sono belli e costituiscono un ottimo modo per conservare ricordi di viaggio e vari momenti piacevoli. Ma se l'apparecchio inizia a funzionare male, sorge la domanda: forse i magneti ne sono la causa?
Mikhailovsky spiega che i magneti sono per lo più innocui, ma tutto dipende dal loro potere.

"Se parliamo di magneti da frigo convenzionali, che sono fatti di ferrite, allora creano un campo magnetico abbastanza debole. Tuttavia si possono acquistare altri tipi di magneti, che contengono neodimio, ferro e boro, che sono abbastanza potenti da influenzare le apparecchiature. È quindi meglio usare magneti in ferrite", rivela Mikhailovsky.

Se vogliamo posizionare magneti su un computer, dobbiamo tenere conto di alcune cose. La maggior parte degli hard disk utilizza i principi della registrazione magnetica. Un forte magnete con il suo campo potrebbe quindi smagnetizzarli, perciò è consigliabile non appenderne nelle vicinanze. Lo specialista sottolinea che comunque ciò vale solo per i magneti potenti.

Anche le persone che recano alcuni dispositivi medici sul corpo, come gli stimolatori cardiaci, dovrebbero fare attenzione a magneti potenti.

"In ogni caso, se per qualche motivo nel nostro corpo c'è qualcosa che contiene ferro, non dovremmo avvicinarvi i magneti, poiché meccanicamente ciò può provocare attrazione o repulsione, il che non è molto buono. Questo vale, per esempio,  per le persone con pacemaker", dice lo scienziato.

Tuttavia il campo magnetico diminuisce molto rapidamente con la distanza. Affinché un magnete possa influenzarci in qualche modo dobbiamo toccarlo, spiega Mikhailovsky, e a partire da una distanza di 10 centimetri non ci sarà più interazione.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала