Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Approvato dl sostegni, dalla cancellazione delle cartelle ai ristori: ecco le misure principali

© Sputnik . Evgeny UtkinLe persone in un ristorante a Milano, Italia
Le persone in un ristorante a Milano, Italia - Sputnik Italia, 1920, 19.03.2021
Seguici su
I ristori verranno distribuiti in base alla perdita effettiva di fatturato. Verso la conferma dello stralcio delle cartelle esattoriali fino a 5mila euro precedenti al 2015 e la proroga del blocco dei licenziamenti.

Dai ristori per le imprese che hanno perso almeno il 30 per cento del fatturato allo stralcio delle cartelle esattoriali. Il Consiglio dei Ministri ha approvato il dl sostegni; in precedenza circolava già la bozza del nuovo decreto Sostegni, finanziato con 32 miliardi, di cui 11 destinati alle imprese e 5 alla campagna vaccinale.

Ma quali saranno le misure contenute nel decreto? Si discute ancora sulla proroga dello stop ai licenziamenti e sul “condono” delle cartelle esattoriali sotto i 5mila euro dal 2005 al 2015, con la Lega che preme per estendere il più possibile l’operazione.

Cartelle esattoriali

Finora la bozza parla della cancellazione di 60 milioni di atti emessi prima del 2015 di importo inferiore a 5mila euro, per un totale complessivo di 70 miliardi. Favorevoli all’operazione Lega, M5S e Forza Italia, contrari Pd, Leu e Iv, che propongono lo stralcio dei “crediti esattoriali inesigibili perché collegati a imprese fallite o contribuenti defunti”.

Versamenti fiscali

In arrivo un nuovo rinvio per i versamenti del fisco fino al 30 aprile. La proroga vale anche per le rate di Rottamazione ter e saldo e stralcio, il cui termine ultimo per i mancati versamenti del 2020 slitta a luglio 2021, mentre quelli previsti fino a luglio dovranno essere saldati entro il 30 novembre. Costo dell’operazione 1,3 miliardi nel 2021 e 817 milioni nel 2022.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi al Senato - Sputnik Italia, 1920, 19.03.2021
Dl Sostegni, Draghi annuncia 32 miliardi di Euro per le imprese

Nuovi ristori per le imprese con perdite del 30%

A beneficiare dei sostegni del governo saranno in totale tre milioni di partite Iva, che a causa della pandemia hanno subito perdite di almeno il 30 per cento rispetto al 2019. Gli aiuti saranno suddivisi sulla base dei ricavi 2019 e saranno il 60 per cento per le imprese fino a 100mila euro, il 50 per quelle tra 100mila e 400mila euro, il 40 tra 400mila e 1 milione, il 30 per cento tra 1 e 5 milioni e 20 per cento tra 5 e 10 milioni. I soldi arriveranno con bonifico o come credito di imposta. Gli importi andranno da un minimo di mille euro ad un massimo di 150mila. Per le partite Iva, secondo quanto si legge su Rainews24, è in arrivo anche una sanatoria per le “somme dovute derivanti da dichiarazioni irregolari relative agli anni d'imposta 2017 e 2018”. Prevista anche un'indennità una tantum trimestrale per i lavoratori stagionali di 2.400 euro, per un totale di 900 milioni di euro stanziati.

Blocco dei licenziamenti

Nonostante sia uno dei punti più dibattuti, sembra che il blocco dei licenziamenti resterà in piedi fino a giugno per le imprese che usufruiscono della cassa integrazione ordinaria e fino alla fine di ottobre per chi usufruisce della cassa integrazione Covid.

Proroga di cassa integrazione e Naspi

La cassa integrazione ordinaria, con causale Covid, sarà estesa di 13 settimane, mentre quella in deroga sarà rifinanziata per 28 settimane, fino al 31 dicembre. Probabilmente, come riferisce il Corriere, verrà prorogata di due mesi anche la Naspi, mentre 400 milioni di euro andranno a rimpinguare le casse del Fondo sociale per l'occupazione la formazione.

Un operaio al lavoro in un mobilificio - Sputnik Italia, 1920, 16.03.2021
Dl Sostegni, Castelli: in Cdm entro fine settimana, 12 mld alle imprese, 10 a famiglia e lavoro

Contratti a termine

I contratti a termine senza causali potranno essere rinnovati fino alla fine dell’anno, per una durata complessiva di 24 mesi. La proroga vale anche per i contratti navigator in scadenza il 30 aprile, che verranno estesi fino al 31 dicembre.

Reddito di cittadinanza

Sarà rifinanziato con un miliardo e rinnovato fino a maggio il reddito di emergenza, per sostenere le famiglie in difficoltà.

Aiuto ai settori più colpiti e fondo per la montagna

Per i settori più colpiti dalla pandemia, come wedding, fieristica e attività commerciali dei centri storici, verranno stanziati 200 milioni di euro, da ripartire tra le diverse regioni. Saranno risarciti con 100 milioni di euro anche gli organizzatori di congressi ed eventi saltati per colpa del Covid. Per tamponare le perdite della chiusura forzata degli impianti sciistici si è deciso, inoltre, di portare a 700 milioni di euro il fondo per la montagna.

Sanità e piano vaccinale

Infine, 5 miliardi saranno destinati alla Sanità. Nel dettaglio, 2,8 miliardi per l'acquisto dei vaccini, 350 milioni per la campagna vaccinale, 400 per la gestione dell’emergenza e 200 per produrre vaccini nel nostro Paese. Prevista nel decreto anche la possibilità per i farmacisti di eseguire, dopo essere stati opportunamente formati, le vaccinazioni in farmacia.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала