Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Nonostante dubbi sulla sicurezza, USA esportano milioni di dosi AstraZeneca in Canada e Messico

© AFP 2021 / ORLANDO SIERRAVaccino AstraZeneca
Vaccino AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 18.03.2021
Seguici su
Mercoledì, l'OMS ha evidenziato di essere in "contatto regolare con l'EMA e le autorità di regolamentazione in tutto il mondo", riconoscendo che molti Paesi hanno "temporaneamente sospeso" l'uso del vaccino AstraZeneca contro il COVID-19 a causa di segnalazioni di coaguli di sangue nei pazienti che vi si erano sottoposti.

Citando un funzionario della Casa Bianca rimasto anonimo, l'Associated Press ha confermato giovedì che l'amministrazione Biden sta finalizzando un piano per esportare un totale di quattro milioni di dosi del controverso vaccino AstraZeneca nei Paesi vicini.

Secondo l'attuale piano, concernente la prima esportazione di vaccino contro il COVID-19 da parte di Washington, il Messico riceverebbe 2,5 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca mentre il Canada 1,5 milioni.

Il funzionario della Casa Bianca ha notato che i vaccini esportati sarebbero un "prestito", anche se non è ancora chiaro quale sarà il rimborso.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki, così come il segretario alle relazioni del Messico, giovedì hanno confermato la notizia.

"Posso confermare che abbiamo 7 milioni di dosi disponibili di AstraZeneca da rilasciare. Stiamo lavorando per prestarne 2,5 milioni al Messico e 1,5 milioni al Canada", ha detto Psaki ai giornalisti durante una conferenza stampa. 

Secondo le osservazioni rilasciate martedì dal Presidente Biden, altri Paesi potrebbero ricevere il surplus statunitense di vaccini contro il COVID-19.

"Ne stiamo già parlando con diversi Paesi, presto lo saprete", ha detto ai giornalisti. 

La notizia si accompagna a segnalazioni di coaguli di sangue rilevati in pazienti a cui è stato somministrato il vaccino AstraZeneca. Sebbene gli Stati Uniti non lo abbiano ancora autorizzato per l'uso di emergenza, sia il Canada sia il Messico lo hanno approvato.

Un alto funzionario sanitario degli Stati Uniti ha detto a Reuters che il vaccino AstraZeneca potrebbe essere autorizzato dai regolatori statunitensi entro un mese.

Martha Delgado, Viceministro degli Esteri messicano per gli affari multilaterali, ha dichiarato la scorsa settimana che il governo messicano ha tenuto discussioni diplomatiche con gli Stati Uniti a seguito della conversazione del presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador con Biden, richiedendo specificamente i vaccini AstraZeneca.

"Esiste la possibilità di poter avere accesso ad alcuni dei loro lotti di AstraZeneca. Quel vaccino è già autorizzato in Messico, ma al momento non negli Stati Uniti", ha detto.

Roselyn Lemus-Martin, una ricercatrice messicana che si occupa di Covid-19, ha detto al 'Guardian' che gli Stati Uniti potrebbero agire nel loro migliore interesse esportando vaccini ai loro più immediati vicini.

"Se il Messico non viene vaccinato, le persone che viaggiano negli Stati Uniti probabilmente causeranno una nuova ondata, soprattutto con le nuove varianti perché non sappiamo quali siano presenti in Messico", ha detto la Lemus-Martin.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала