Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Aifa vieta utilizzo di un lotto di AstraZeneca

© REUTERS / Yves HermanVaccino AstraZeneca
Vaccino AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 11.03.2021
Seguici su
Dopo la segnalazione di "eventi avversi gravi" riguardo la somministrazione di dosi "appartenenti al lotto ABV2856" del vaccino AstraZeneca, l'Aifa (l'Agenzia italiana del farmaco) ha deciso di sospenderlo "in via precauzionale".

A comunicare la sospensione dell'utilizzo dei vaccini del suddetto lotto è stata la stessa Aifa sul proprio sito web.

"A seguito della segnalazione di alcuni eventi avversi gravi, in concomitanza temporale con la somministrazione di dosi appartenenti al lotto ABV2856 del vaccino AstraZeneca anti COVID-19, AIFA ha deciso in via precauzionale di emettere un divieto di utilizzo di tale lotto su tutto il territorio nazionale", si legge nella dichiarazione.

Nel comunicato l'Aifa sottolinea di stare effettuando "tutte le verifiche del caso, acquisendo documentazioni cliniche in stretta collaborazione con i NAS e le autorità competenti", rilevando di essere pronta ad intraprendere ulteriori provvedimenti con l'Ema qualora fosse dettato dalle circostanze.

AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 11.03.2021
Vaccino AstraZeneca, doppia morte sospetta a Catania per lotto ABV2856

L'Aifa nota che "al momento non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e tali eventi". 

Secondo Giornale di Sicilia, un militare in servizio ad Augusta, Stefano Paternò, 43 anni, è morto ieri mattina per un arresto cardiaco, dodici ore dopo esser stato sottoposto alla prima dose di vaccino AstraZeneca. C'è anche un secondo decesso, riporta La Sicilia. Davide Villa, poliziotto dell’Anticrimine di Catania, è morto il 7 marzo, 12 giorni dopo la somministrazione del vaccino. Ci sono indagini in corso per entrambi i casi.

Sarebbero queste "alcuni eventi avversi gravi" a cui fa riferimento l'Aifa. 

Ansa riporta che il primo ministro italiano, Mario Draghi, ha avuto una conversazione telefonica con la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Secondo le fonti di Palazzo Chigi, dalla telefonata "è emerso che non c'è alcuna evidenza di un nesso tra i casi di trombosi registrati in Europa e la somministrazione del vaccino Astrazeneca".

Problemi con un altro lotto

Negli ultimi giorni problemi con un lotto ABV5300 del vaccino AstraZeneca sono stati segnalati in diversi Paesi europei: le autorità austriache avevano deciso di sospendere l'uso del lotto di vaccino AstraZeneca come misura precauzionale a seguito del decesso di una donna vaccinata e dello sviluppo del Covid in un'altra persona dopo che aveva ricevuto il vaccino.

Dopo l'Austria, come misura precauzionale è stato sospeso l'utilizzo del lotto del vaccino AstraZeneca anche in Estonia, Lituania, Lussemburgo, Lettonia e Cipro.

Oggi le autorità danesi hanno analogamente annunciato la sospensione dell'uso del vaccino AstraZeneca a seguito di segnalazioni di possibili coaguli di sangue dopo le vaccinazioni. In seguito anche la Norvegia e l'Islanda hanno annunciato la sospensione dell'uso del vaccino.

L'Ema in precedenza ha riferito che complessivamente questo lotto da 1 milione di dosi è stato consegnato in 17 Paesi della Ue: Austria, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Francia, Grecia, Islanda, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Spagna, Svezia.

Non ci sono conferme che il vaccino AstraZeneca provochi coaguli - MHRA

Non ci sono conferme che il vaccino contro il coronavirus AstraZeneca provochi coaguli di sangue, le azioni del governo danese sono precauzionali, ha affermato l'Autorità di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito (MHRA).

"Questa azione del governo danese è una misura precauzionale. Non ci sono prove che i coaguli di sangue siano stati causati dal vaccino anti-Covid di AstraZeneca. Le persone dovrebbero comunque essere vaccinate contro il coronavirus quando invitate a vaccinare", si legge in un comunicato dell'MHRA.

In precedenza nel corso della giornata il regolatore britannico ha fatto sapere di non aver ricevuto alcuna segnalazione di coaguli di sangue durante le vaccinazioni nel Regno Unito. Uno studio pubblicato mercoledì a seguito delle vaccinazioni in oltre 22 milioni di cittadini britannici cita solo effetti collaterali minori già noti.

Anche la stessa casa farmaceutica AstraZeneca ha ribadito la sicurezza del suo vaccino.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала