Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

"Prova di disperazione", l'Australia replica alla Ue per blocco dell'export dei vaccini AstraZeneca

© Sputnik . Vladimir Trefilov / Vai alla galleria fotograficaAstraZeneca
AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 05.03.2021
Seguici su
Le autorità australiane minimizzano la decisione italiana in merito al blocco della consegna di 250mila dosi di AstraZeneca prodotte nello stabilimento di Anagni: "perso solo un lotto".

Non si è fatta attendere la replica di Canberra alla decisione dell'Italia avallata dalla Ue per sospendere l'esportazione di 250mila dosi di vaccino della casa farmaceutica anglo-svedese AstraZeneca prodotte nello stabilimento di Anagni. Secondo l'Australia, questa mossa è emblematica della disperazione in cui versa la Ue in relazione alla vaccinazione e all'epidemia di Covid-19.

"E' una dimostrazione di quanto bene continui a fare l'Australia rispetto alla disperazione di altri Paesi", ha affermato a Sky News Australia il ministro delle Finanze Simon Birmingham.

A sua volta un rappresentante del ministero della Salute australiano ha minimizzato parlando con France Presse la portata della decisione italiana rispetto alla campagna di vaccinazione in atto nel Paese.

"Si tratta di un lotto da un Paese" e le dosi provenienti dall'Italia "non sono state prese in considerazione nel nostro piano di distribuzione per le prossime settimane".

A sua volta il premier australiano ha commentato la vicenda, rilevando la situazione di crisi per il Covid in cui versano l'Europa e in particolare l'Italia.

"In Italia le persone muoiono al ritmo di 300 al giorno. Pertanto posso sicuramente capire l'alto livello di ansia in Italia e in molti Paesi in tutta Europa. Sono in una situazione di crisi senza freni. Questa non è la situazione in Australia".

Ieri la Farnesina e successivamente il ministro degli Esteri Luigi Di Maio avevano annunciato il blocco delle forniture dei vaccini di AstraZeneca destinati all'Australia, sottolineando che la decisione non voleva essere punitiva, rilevando il mancato rispetto degli impegni da parte della società anglo-svedese, così come la situazione di Paese "non vulnerabile" della stessa Australia. Inoltre il capo della diplomazia italiana aveva evidenziato come il blocco dei vaccini rispettasse le regole prefissate dalla Ue sui vaccini anti-Covid.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала