Non solo acqua: il mondo potrebbe andare incontro a deficit di una risorsa poco apprezzata

CC BY 2.0 / Christopher Crouzet / Le long de la crêteL'oasi di Huacachina, nel deserto dell'Atacama, in Perù
L'oasi di Huacachina, nel deserto dell'Atacama, in Perù - Sputnik Italia, 1920, 05.03.2021
Seguici suTelegram
È improbabile che "l'appetito" globale per la sabbia, una delle materie prime più importanti ma meno apprezzate al mondo, diminuisca nel prossimo futuro, ma il problema è che nel mondo si sta registrando un deficit di questa risorsa.

Lo riporta il canale Cnbc con riferimento al discorso dei climatologi durante un seminario web organizzato dal centro studi di Chatham House.

Secondo gli esperti, questa potrebbe essere la più grande sfida del 21° secolo.

Pascal Peduzzi, climatologo del Programma sull'Ambiente delle Nazioni Unite, ha spiegato che non c'è bisogno di farsi prendere dal panico, ma bisogna cambiare la percezione comune della sabbia.

"Non abbiamo mai pensato che avremmo finito la sabbia, ma da qualche parte sta iniziando questo processo", cita il climatologo il canale televisivo.

Ha sottolineato che la gente pensa che la sabbia sia ovunque. Tuttavia è importante ora prestare attenzione a ciò che potrebbe accadere nei prossimi decenni, altrimenti ci saranno bruschi stop nelle forniture di questa risorsa. Il climatologo ha spiegato che è impossibile tracciare con precisione il suo utilizzo globale, ma solo indirettamente, valutando la correlazione tra l'uso di sabbia e cemento.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала