In Italia terza ondata di Covid già iniziata per assessore pugliese Lopalco

© Sputnik . Anton Vergoun / Vai alla galleria fotograficaMalati di Covid-19 in un ospedale russo (foto d'archivio)
Malati di Covid-19 in un ospedale russo (foto d'archivio) - Sputnik Italia, 1920, 03.03.2021
Seguici suTelegram
In un'intervista a Sky Tg24 l'assessore alla Salute della Regione Puglia ha sostenuto che i malati entrati nelle terapie intensive sono rimasti contagiati "giorni fa, se non settimane".

La temuta terza ondata di Covid, ad un anno esatto dall'inizio dell'epidemia, è iniziata o è solo un rischio? L'assessore alla Sanità della Regione Puglia Pier Luigi Lopalco non ha dubbi:

"la terza ondata è stata già innescata, iniziamo a vederne gli effetti'', ha dichiarato in un'intervista a Sky Tg24. 

Il dato più preoccupante ed emblematico per Lopalco è quello delle terapie intensive.

"Si tratta di un dato non fresco, significa che le persone che entrano nelle terapie intensive si sono infettate diversi giorni fa, se non settimane".

Nell'intervista Lopalco esprime perplessità sull'efficacia del sistema dei colori, in base alla situazione epidemiologica, in quanto secondo l'assessore non fornisce previsioni sulla diffusione del virus, piuttosto lo insegue tracciando un quadro non allineato con l'attualità. 

Le donne nelle mascherine protettive fanno fila per entrare nei musei vaticani, Roma - Sputnik Italia, 1920, 03.03.2021
Bollettino di oggi: 20.884 contagi, 347 morti e 14.068 guariti

"Il sistema dei colori insegue il virus, non lo previene. I famosi 21 indicatori, per un insieme di fattori, sono calcolati su dei dati che devono essere consolidati. Quindi devono essere scaricati, inviati al Ministero, poi c'è un rapporto che torna alle Regioni e queste lo approvano. Siamo quindi con un ritardo che va dagli 8 ai 14 giorni'', ha dichiarato, rilevando tuttavia un miglioramento nel nuovo Dpcm, che considera il dato "più fresco" dell'incidenza settimanale per le scuole; Lopalco auspica che venga esteso per la valutazione di altri contesti.

Lopalco non rileva segnali allarmanti dalla temuta e contagiosa variante inglese e sottolinea l'importanza della vaccinazione per il contenimento della pressione ospedaliera.

"Non abbiamo segni di un'aumentata gravità della variante inglese. Ci sono invece segnali abbastanza ottimistici per l'impatto dei vaccini: un po' tutti i vaccini sembrerebbero ridurre in maniera molto drastica il rischio di malattia grave, di ospedalizzazione e di morte nei vaccinati, addirittura dopo una singola dose di vaccinazione, a prescindere dalle varianti".

In precedenza il governatore della Lombardia Fontana aveva sostenuto come Lopalco l'inizio della terza ondata, spinta secondo lui dalla variante inglese.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала