Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Congo, almeno 10 civili uccisi, 8 con decapitazione nell'Est del Paese

CC BY-SA 2.0 / MONUSCO / Force / PHOTO DU JOUR DU 25 AVRIL 2020Militari di MONUSCO, la missione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione nella Repubblica Democratica del Congo
Militari di MONUSCO, la missione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione nella Repubblica Democratica del Congo - Sputnik Italia, 1920, 28.02.2021
Seguici su
Il massacro è stato attribuito dalle forze armate ai miliziani islamici dell'Adf durante due attacchi contro la popolazione locale.

Dieci civili sono stati assassinati nelle prime ore di domenica nella regione est della Repubblica Democratica del Congo (RDC), durante due attacchi compiuti nella regione est del Paese attribuiti dalle forze armate ai gruppi islamici delle Forze democratiche alleate (ADF). Lo riferisce AFP citando fonti militari. 

Il tenente Jules Ngongo, portavoce dell'esercito, ritiene che i due attacchi perpetrati nelle regioni di Ituri e Nord Kivu facciano parte del piano di pulizia etnica dei miliziani. 

"La persecuzione del nemico per pulire la regione prosegue", ha detto. 

I gruppi avrebbero decapitato 8 civili nel villaggio di Boyo, in Ituri. Altri dueì sarebbero stati fucilati a Kainama, nell'estremo nord della provincia Nord Kivu alla frontiera con Ituri. 

L'assassinio dell'ambasciatore italiano

Il Congo è finito di recente sotto i riflettori per l'assassinio del giovane ambasciatore italiano Luca Attanasio, ucciso durante un agguato assieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e l'autista Mustapha Milambo, mentre portava aiuti a  nell'ambito del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP). 

Il convoglio su cui viaggiava Attanasio era partito da Gouma, capitale del Nord Kivu, quando è stato attaccato sulla strada per Rutshuru da un gruppo armato, presumibilmente dell'ADF. Il luogo dell'agguato è considerato un'area ad alto rischio su cui operano diversi gruppi miliziani. 

L'ADF, il più pericoloso di questi, è un gruppo di ribelli islamici di origini ugandesi formato nel 1995, responsabile di diversi massacri contro i civili.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала