Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Nuova scoperta a Pompei: trovato integro un Carro da parata di Civita Giuliana - Video

© Sputnik . Sergey Mamontov / Vai alla galleria fotograficaPompei
Pompei - Sputnik Italia, 1920, 27.02.2021
Seguici su
Si tratta di un reperto unico, mai rinvenuto finora in Italia, in ottimo stato di conservazione. Il ministro della Cultura, Dario Franceschini, ha sottolineato come Pompei continui a stupire.

Il Parco Archeologico di Pompei e la Procura della Repubblica di Torre Annunziata hanno annunciato oggi il rinvenimento del reperto dallo scavo della villa suburbana in località Civita Giuliana, a nord di Pompei, oltre le mura della città antica.

Si tratta di un grande carro cerimoniale a quattro ruote, con i suoi elementi in ferro, le decorazioni in bronzo e stagno, i resti lignei mineralizzati, le impronte degli elementi organici (dalle corde a resti di decorazioni vegetali), rinvenuto quasi integro nel porticato antistante alla stalla dove già nel 2018 erano emersi i resti di 3 equidi, tra cui un cavallo bardato. 

“Un ritrovamento eccezionale, non solo perché aggiunge un elemento in più alla storia di questa dimora, al racconto degli ultimi istanti di vita di chi abitava la villa, e più in generale alla conoscenza del mondo antico, ma soprattutto perché restituisce un reperto unico, mai finora rinvenuto in Italia, in ottimo stato di conservazione”, ha sottolineato il Parco archeologico in una nota.

“Mai niente di simile”

Il direttore uscente del Parco, Massimo Osanna, ha sottolineato come si tratti di "una scoperta straordinaria per l'avanzamento della conoscenza del mondo antico".

A Pompei sono stati ritrovati in passato veicoli per il trasporto, come quello della casa del Menandro, o i due carri rinvenuti a Villa Arianna, ma niente di simile al carro di Civita Giuliana. 

Osanna ha spiegato che si tratta di un carro cerimoniale, probabilmente il Pilentum noto dalle fonti, utilizzato non per gli usi quotidiani o i trasporti agricoli, ma per accompagnare momenti festivi della comunità, parate e processioni. 

Mai emerso dal suolo italiano, il tipo di carro trova confronti con reperti rinvenuti una quindicina di anni fa all’interno di un tumulo funerario della Tracia (nella Grecia settentrionale, al confine con la Bulgaria). Uno dei carri traci è particolarmente vicino al nostro anche se privo delle straordinarie decorazioni figurate che accompagnano il reperto pompeiano.

Il direttore uscente ha poi aggiunto che "le scene dei medaglioni che impreziosiscono il retro del carro rimandano all'eros (Satiri e ninfe), mentre le numerose borchie presentano eroti.

Considerato che le fonti antiche alludono all’uso del Piletum da parte di sacerdotesse e signore, non si esclude che potesse trattarsi di un carro usato per rituali legati al matrimonio, per condurre la sposa nel nuovo focolare domestico".

Franceschini: Pompei continua a stupire

Franceschini ha sottolineato come Pompei continui a "stupire con le sue scoperte, e sarà così ancora per molti anni con venti ettari ancora da scavare".

Ma soprattutto dimostra che si può fare valorizzazione, si possono attrarre turisti da tutto il mondo e contemporaneamente si può fare ricerca, formazione e studi, e un giovane  direttore come Zuchtriegel valorizzerà questo impegno.

Ex direttore di Paestum, Gabriel Zuchtriegel è stato nominato la scorsa settimana, suscitando anche polemiche che hanno portato alle dimissioni di due consiglieri. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала