Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Nuova eruzione dell’Etna, la sesta in otto giorni - Video

© Foto : Clara StatelloNuova eruzione dell’Etna, la sesta in otto giorni
Nuova eruzione dell’Etna, la sesta in otto giorni - Sputnik Italia, 1920, 25.02.2021
Seguici su
Due bocche aperte nel cratere di Sud-Est, spettacolari fontane di lava alte 400 metri, tremori, boati, emissione di cenere e lapilli, e colata lavica. Sono i parossismi dell’Etna, già la sesta eruzione negli ultimi otto giorni, quasi un record.

I parossismi sono fenomeni eruttivi che avvengono frequentemente ai crateri sommitali del vulcano, con la formazione di fontane e colate di lava e alte colonne di cenere.

Sull'Etna questi fenomeni sono divenuti più frequenti a partire dagli anni '80, e tra il gennaio e l'agosto del 2000 ne avvennero ben 66, a volte persino tre al giorno, che furono preludio all’eruzione violenta della bocca chiamata del ‘Levantino’ l’anno successivo.

Si potrebbe affermare quindi che quello cui stiamo assistendo ora sia il record assoluto per il vulcano siciliano, ma sicuramente sei fenomeni di tale intensità in soli otto giorni, con una frequenza media di uno ogni 26-34 ore, dimostra una straordinaria vitalità ed energia.

© REUTERS / Antonio ParrinelloL'eruzione dell'Etna in Sicilia
Nuova eruzione dell’Etna, la sesta in otto giorni - Video - Sputnik Italia, 1920, 25.02.2021
L'eruzione dell'Etna in Sicilia

“Il sesto fenomeno parossistico in 8 giorni è quasi da record per l'Etna. Lo è di sicuro per il Cratere di Sud-Est. Qualcosa di simile sul piano della frequenza era capitato con il cratere Voragine”, ha osservato il professore Marco Viccaro, docente di Geochimica e Vulcanologia all'Università di Catania e neo presidente dell'associazione dei vulcanologi italiani.

© REUTERS / Antonio Parrinello L'eruzione dell'Etna in Sicilia
Nuova eruzione dell’Etna, la sesta in otto giorni - Video - Sputnik Italia, 1920, 25.02.2021
L'eruzione dell'Etna in Sicilia

Il professore tuttavia rassicura sul fatto che allo stato attuale non vi sia comunque alcun pericolo per le persone e le abitazioni, dal momento che si tratta di fenomeni che riguardano la sommità del vulcano. Vi è in ogni caso una notevole ricaduta di cenere e questo certamente potrebbe complicare la vita delle comunità etnee, in ogni caso le colate laviche sono ancora ben lontane dai centri abitati.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала