Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Merkel: accordo tra Paesi Ue per introduzione certificati di vaccinazione contro Covid

© REUTERS / Hannibal HanschkeAngela Merkel
Angela Merkel - Sputnik Italia, 1920, 25.02.2021
Seguici su
I leader dei Paesi europei si sono accordati per introdurre certificati di vaccinazione: saranno pronti nel giro di tre mesi, ha fatto sapere la cancelliera tedesca Angela Merkel.
"Un altro argomento importante è stato la conferma elettronica della vaccinazione. Siamo tutti d'accordo che ce ne sia bisogno. Le questioni tecniche saranno risolte dalla Commissione Europea. <...> La Commissione Europea ha bisogno di circa tre mesi per risolvere le questioni tecniche", ha dichiarato la cancelliera tedesca dopo il vertice europeo sul coronavirus.

Ha chiarito che per cominciare, tali certificati saranno sviluppati dagli Stati membri e la Commissione Europea li renderà "compatibili" per garantire che possano essere utilizzati in tutti i Paesi europei. In Germania, secondo lei, è già stata presa la decisione di rilasciare tali certificati.

"Quindi con informazioni aggiuntive sarà possibile viaggiare all'interno della Ue e, possibilmente sarà la base per entrare nella Ue da Paesi terzi", ha spiegato Merkel.

Secondo lei, la Commissione europea creerà anche una task force che studierà la mutazione del coronavirus. Inoltre la Merkel ha osservato che i Paesi dell'UE intendono rafforzare l'assistenza ai Paesi africani nella vaccinazione.

Dopo il vertice nel formato di videoconferenza, i leader dei Paesi dell'Unione Europea hanno deciso di continuare a lavorare su un approccio comune ai certificati di vaccinazione.

"I leader della UE hanno chiesto di continuare a lavorare su un approccio comune ai certificati di vaccinazione e poi tornare su questo problema" - si legge nella dichiarazione riassuntiva del vertice europeo.

Macron: standard comuni europei per certificati di vaccinazione

Il presidente francese Emmanuel Macron si aspetta che il lavoro di certificazione delle vaccinazioni sia coordinato a livello europeo per stabilire standard comuni.

"Ci sono Paesi che dipendono molto dal turismo, quindi vogliono trovare rapidamente soluzioni che consentano le prenotazioni per le vacanze estive quando la situazione sarà migliore... Capisco pienamente. Ma questo deve essere fatto ufficialmente a livello europeo. Altrimenti creeremo le stesse difficoltà. Pertanto serve coordinamento", ha affermato Macron a margine del vertice europei in videoconferenza.

Ha notato che in questa fase tutti i Paesi sono sotto pressione per la pandemia di coronavirus.

"Pertanto cerchiamo di anticipare gli scenari. Questi certificati e l'intera organizzazione non sono per domani, ma per l'estate. Pertanto, è importante guardare cosa fanno gli uni e gli altri per trarre ispirazione dai più innovativi esempi e per stabilire standard comuni", ha sottolineato il presidente francese.

Certificati di vaccinazione: idea non nuova che piace al settore turistico

In precedenza l'Ungheria aveva istituito un passaporto per i vaccinati: il governo di Orban ha infatti introdotto un certificato di immunità per chi ha ricevuto il vaccino completo e per i guariti dalla malattia.

L'idea del certificato (passaporto) di vaccinazione anti-Covid piace al settore turistico, dal momento che viene visto come qualcosa che semplifica i viaggi e gli spostamenti, condizioni essenziali per l'esistenza stessa del turismo.

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала