Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Speranza: Non ci sono condizioni per allentare le misure

© AFP 2021 / Filippo MonteforteRoberto Speranza, ministro della Salute
Roberto Speranza, ministro della Salute - Sputnik Italia, 1920, 24.02.2021
Seguici su
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, stronca ogni aspettativa sulle sperate riaperture serali delle attività della ristorazione. La linea della prudenza resta, a maggior ragione con un vaccino che non arriva.

Serve l’unità contro la pandemia, serve l’unità nazionale richiesta dal presidente Mattarella, dice il ministro della Salute Roberto Speranza parlando al Senato durante la comunicazione sulle nuove misure assunte dal governo per contrastare il coronavirus.

“Il premier ha detto – ha ricordato Speranza – che l’unità non è un’opzione ma un dovere. Ho sempre auspicato un’unità nazionale contro l’emergenza”.

Parlando della variante inglese del coronavirus, ha affermato che è presente nel 17,8% dei casi.

"La presenza delle varianti condizionerà l'epidemia: la variante inglese è presente nel 17,8% dei casi e sarà presto prevalente e la sua maggiore diffusione rende indispensabile alzare il livello di guardia, ma fortunatamente non compromette efficacia dei vaccini. Le altre due varianti sono più insidiose per la ridotta efficacia dei vaccini. La loro diffusione è minore ma è necessario isolare i focolai", ha detto.

Per quanto riguarda il ritardo della campagna vaccinale il ministro afferma che “i ritardi di alcune forniture dei vaccini, che pure ci sono, non cambieranno l’esito della partita: Covid è destinato a essere arginato. Finalmente vediamo la luce in fondo al tunnel”.

Anche se è quasi certo che AstraZeneca non fornirà neppure nel prossimo trimestre le quantità di dosi vaccinali concordate con l’Unione Europea e questo significherà un ulteriore slittamento della campagna vaccinale anche in Italia.

Non abbassare la guardia

Il mantra Roberto Speranza lo ripete anche al Senato, come ci ha abituati da un anno a questa parte:

“Bisogna essere chiari: in questo ultimo miglio non possiamo assolutamente abbassare la guardia. Non ci sono oggi le condizioni epidemiologiche per abbassare le misure di contrasto alla pandemia”.

Messaggio chiarissimo che arriva anche a chi nella maggioranza e fuori da essa da giorni invoca le attività della ristorazione aperte anche a cena.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала