Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Conte capo M5S? Bugani: "Chi lo vuole sono stessi che hanno contribuito a sua caduta"

Massimo Bugani - Sputnik Italia, 1920, 24.02.2021
Seguici su
Il portavoce di Virginia Raggi a ruota libera sul M5S. Massimo Bugani, attivista della prima ora, non risparmia critiche a nessuno nel suo partito.

Sembra non avere dubbi il capo dello staff di Virginia Raggi e attivista M5S dal 2005, Massimo Bugani, riguardo alla caduta di Conte e a chi ora lo vuole a capo del partito.

“Molti di quelli che oggi chiedono un ruolo apicale per Giuseppe sono gli stessi che hanno contribuito alla sua caduta per pavidità”, dice in una intervista concessa a La Repubblica.

Giuseppe Conte “è stato un ottimo mediatore nel ruolo di premier ma essere leader di una singola forza politica è un’altra cosa e deciderà lui se ha voglia di cimentarsi in questo”, aggiunge Bugani garantendo la sua stima all’ex presidente del Consiglio.

Il Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede - Sputnik Italia, 1920, 22.02.2021
Bonafede: il M5S va rifondato con Giuseppe Conte a capo

Per quanto riguarda quello che sta accadendo nel M5S a seguito del sì alla fiducia al governo di Mario Draghi, a cui molti grillini hanno detto no, Bugani afferma:“Ammetto senza vergogna d’essere molto addolorato perché sono stati colpiti degli amici che hanno dato l’anima per il M5S. Se qualcuno ha pilotato l’operazione ‘governo di tutti’ con forzature incredibili, come quel quesito ridicolo su Rousseau, deve avere rispetto per chi al pensiero di governare con Berlusconi e Salvini si sente male”, dice.

La leadership del M5S

Bugani afferma che è da oltre un anno che si aspetta la nuova guida del Movimento politico e “a breve capiremo se ci sarà una svolta per iniziare a salire o se si continuerà a scavare”.

Bugani dice che dipende da quello che si farà sulla leadership del M5S se lui resterà o meno un attivista del partito.

Di recente, tuttavia, il Movimento 5 Stelle ha presentato come il suo “conclave” la votazione su Rousseau che ha modificato lo Statuto e dato ad un organo direttivo composta da 5 persone la direzione della politica interna ed esterna della realtà parlamentare.

Questione candidatura Raggi a Roma

Venendo a cose che gli sono più prossime, Bugani dice che anche se è vero che Beppe Grillo ha affermato come Virginia Raggi sia intoccabile a Roma, non ha però concesso un voto sulla piattaforma Rousseau.

“Quello che conta davvero è la certificazione, un documento in cui si dice che Virginia è ufficialmente candidata sindaca. Spero che arrivi presto”, afferma sul quotidiano italiano.

La vicenda nasce dopo che la stessa Virginia Raggi su Facebook aveva pubblicamente chiesto un voto sulla piattaforma del partito per ottenere dalla base l’accettazione della sua candidatura che, secondo le sue parole, non è ben vista da tutti all’interno del Movimento.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала