Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Confindustria, Bonomi: "Aprire le fabbriche per vaccinare gli operai"

© ConfindustriaPresidente di Confindustria Carlo Bonomi
Presidente di Confindustria Carlo Bonomi - Sputnik Italia, 1920, 21.02.2021
Seguici su
Il capo degli industriali si è detto "certo che Draghi ascolterà le imprese" e chiede l'eliminazione dell'Irap, l'imposta regionale con cui si finanzia la sanità pubblica.

Utilizzare le fabbriche per le vaccinazioni dei dipendenti e dei loro familiari. Questa è la proposta del presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, lancia al  governo a nome degli industriali, in un'intervista rilasciata a Repubblica. 

"Siamo disposti a mettere le fabbriche a disposizione delle comunità territoriali nell'ambito del piano nazionale di vaccinazioni", ha dichiarato Bonomi. 

Il capo degli industriali ha fatto sapere che Confindustria ha già inviato la sua proposta operativa a Palazzo Chigi e ha offerto il suo centro Congressi alla Regione Lazio. 

Presidente di Confindustria Carlo Bonomi - Sputnik Italia, 1920, 04.02.2021
Bonomi: Draghi è un patrimonio del Paese, ora superare il reddito di cittadinanza e quota 100

Il coinvolgimento dei privati nel piano di vaccinazione proposto dal presidente del Consiglio Mario Draghi, permetterebbe la vaccinazione di 5,5 milioni di dipendenti delle aziende aderenti a Confindustria, con una media di 2,3 componenti per nucleo familiare.

"Potremmo vaccinare più di 12 milioni di persone", afferma Bonomi. 

Il governo Draghi

Gli industriali valutano positivamente il cambio di passo rappresentato dall'insediamento al governo di Mario Draghi. 

"Sono certo che Draghi ci ascolterà. Confido terminata la vecchia liturgia degli incontri separati. Imprese e sindacati devono essere ascoltati assieme per trovare soluzioni rapide ed efficaci", sostiene il presidente di Confindustria.

Al contrario, per Giuseppe Conte Bonomi riserva una dura critica. 

"Con Conte non c'è stato poco dialogo. Non c'è proprio stato dialogo", dice. 

Al nuovo esecutivo Confindustria chiede una riforma degli ammortizzatori sociali, con un ammortizzatore universale valido per tutti i lavoratori di tutti i settori, e l'abolizione dell'Irap. 

"Una tassa inopportuna, inadeguata e folle", sbotta Bonomi.

All'osservazione del giornalista che fa notare come l'Irap serva per finanziare il sistema sanitario pubblico, il capo degli industriali risponde che c'è bisogno di una riforma del meccanismo di finanziamento della sanità 

"Va cambiato il meccanismo di finanziamento della sanità mettendo al centro il parametro dei costi standard e non quello fuorviante della spesa storica regionale",  replica Bonomi. "Il Recovery Plan - conclude - deve essere occasione per guardare alle migliori esperienze del Paese". 

 

 

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала