Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

USA pronti ad accettare l'invito dell'UE per incontro P5+1 con l'Iran - Dipartimento di Stato

© Sputnik . Alexey Vitvitsky / Vai alla galleria fotograficaBandiere dell'UE a Bruxelles
Bandiere dell'UE a Bruxelles - Sputnik Italia, 1920, 19.02.2021
Seguici su
Un alto funzionario americano ha riferito a Reuters giovedì che gli Stati Uniti sono "pronti a presentarsi" se l'Unione europea decidesse di estendere un invito per ospitare dei colloqui con l'Iran. Nel frattempo, Washington ha compiuto un passo importante verso l'annullamento di alcune misure contro Teheran intraprese dall'amministrazione Trump.

"Gli Stati Uniti accetterebbero l'invito dell'Alto rappresentante dell'Unione europea a partecipare a una riunione del P5+1 e dell'Iran per discutere una via diplomatica sul programma nucleare iraniano".

Ad affermarlo, nella giornata di giovedì, è stato il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price.

Sempre giovedì, Washington ha informato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che stava revocando una misura restrittiva per il 2020 voluta dalla precedente amministrazione Trump. Quasi l'intero Consiglio di sicurezza ha rifiutato di sostenere la mossa di Washington in quel momento, dal momento che gli Stati Uniti si erano ritirati dall'accordo nel 2018.

Bandiera iraniana, Iran, Teheran - Sputnik Italia, 1920, 16.02.2021
Iran: “Tornate ai patti sul nucleare oppure mettiamo fine alle ispezioni”
All'inizio di questo mese, il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha notato che l'Alto Rappresentante dell'UE Josep Borrell potrebbe potenzialmente "coreografare" un ritorno al PACG attraverso la funzione del suo ufficio nell'accordo come coordinatore della commissione congiunta che monitora la conformità.

Chi sono i P5+1

I P5+1 sono i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite - Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Cina e Russia - oltre alla Germania. Le sei nazioni, più l'Unione Europea e l'Iran, sono insieme le parti che hanno formato a Vienna il Piano d'azione congiunto globale nel 2015.

L'accordo ha portato alla rimozione delle sanzioni internazionali contro l'Iran in cambio dell'accettazione da parte del paese di rigide limitazioni alla qualità e la quantità di uranio raffinabili.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden - Sputnik Italia, 1920, 07.02.2021
Biden: USA non revocheranno sanzioni contro l'Iran finché non smetterà di arricchire l'uranio
L'accordo sul nucleare di Vienna

L'amministrazione Trump ha ritirato unilateralmente gli Stati Uniti dall'accordo sul nucleare nel 2018, sostenendo che l'Iran aveva segretamente violato i termini dell'accordo e stava perseguendo un'arma nucleare. Gli Stati Uniti hanno reintrodotto le loro sanzioni, ma nessun'altra nazione si è unita a loro in assenza di riscontri concreti su delle violazioni0 dell'accordo da parte dell'Iran.

Tuttavia, la mossa di Washington ha incoraggiato Teheran a iniziare a fare marcia indietro dai suoi obblighi ai sensi dell'accordo e, a dicembre 2020, il parlamento iraniano ha approvato una legge che accelera il processo di arricchimento dell'uranio sia tramite un aumento della purezza che del volume dell'uranio da raffinare.

L'impianto di arricchimento dell'uranio di Natanz, Iran - Sputnik Italia, 1920, 08.02.2021
Casa Bianca insiste: ritorno ad accordo nucleare se Iran per prima rispetta impegni
L'Iran ha sempre respinto tutte le accuse di Washington e ha ribadito di non essere interessato allo sviluppo di un'arma nucleare; a testimonianza di questo occorre rilevare che fino ad oggi l'uranio non è stato purificato oltre il 20% di U-235, una percentuale utile unicamente a alimentare le centrali nucleari.

Il 21 febbraio, inizia la fase successiva del processo poiché l'Iran bloccherà qualsiasi ispezione rapida da parte dell'Associazione internazionale per l'energia atomica (IAEA). Gli Stati Uniti, la Francia, la Germania e il Regno Unito hanno invitato giovedì l'Iran a "considerare le conseguenze di un'azione così grave, in particolare in questo momento di rinnovata opportunità diplomatica".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала