Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Draghi al Senato alle 10, cosa dirà il neopresidente del Consiglio?

© AP Photo / Alessandra TarantinoMario Draghi
Mario Draghi - Sputnik Italia, 1920, 17.02.2021
Seguici su
Mario Draghi alla prova del Parlamento, stamattina parlerà per ricevere il voto di fiducia solo in tarda serata. Prima ci saranno le dichiarazioni di voto di tutti i partiti.

Dopo giorni di riserbo e di scarne comunicazioni, oggi alle ore 10 in Senato il professore Mario Draghi pronuncerà il suo discorso programmatico che servirà ad ottenere la fiducia da parte dei partiti che gliel’hanno promessa: non c’è dubbio che la otterrà.

Domani Draghi, invece, si prenderà la fiducia alla Camera dei deputati e da quel momento il neopresidente del Consiglio sarà nel pieno delle sue funzioni costituzionali.

Draghi al Senato alle 10, cosa dirà il neopresidente del Consiglio? - Sputnik Italia, 1920, 17.02.2021
Senato italiano, Palazzo Madama

Di cosa parlerà l’ex presidente della Banca centrale europea durante il suo discorso odierno?

I problemi dell’Italia sono sempre quelli e come più volte nel corso del 2020 ha ricordato il presidente della Banca d’Italia Ignazio Visco – ruolo che anche Draghi ha rivestito –, “l’Italia è ferma da 30 anni”.

Il “lockdown del sistema Italia”, quindi, non è qualcosa di legato alla pandemia, ma ha radici lontane e profonde e Mario Draghi, l’uomo che negli anni ‘90 del secolo scorso fu incaricato di vendere le imprese di Stato, lo sa bene.

Prevedibile che parlerà di misure di rilancio dell’economia, che parlerà di lavoro e di cosa vorrà fare con il blocco dei licenziamenti. Ci racconterà la sua ricetta per risollevare il paese dal momento difficile.

Ma parlerà anche della gestione contingente della pandemia e di come intende condurla, anche se la conferma di Roberto Speranza come ministro della Salute fa intendere e presumere che ci sarà una certa continuità rispetto a quanto fatto dal governo di Giuseppe Conte. I vaccini sono però la priorità e da questo punto dovrà partire per garantire una veloce ripresa delle attività produttive.

E ovviamente c’è il Recovery plan da scrivere, il casus belli che ha fatto scivolare l’Italia nella crisi di governo in piena pandemia.

Ma sullo sfondo resta una criticità, ed è il rapporto con i partiti. Forse su questo punto il presidente del Consiglio Mario Draghi dovrà apprendere il giusto approccio, per evitare il ripetersi di situazioni come il caso impianti invernali di questi giorni.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала