Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ricercatori siberiani campionano antichi resti di animali e i ‘paleo-virus’, afferma il rapporto

© Foto : Ufficio Stampa del Governatore di Yamalo-Nenets / Vai alla galleria fotograficaMandriani di renne trovano fossili di mammut in un lago della Siberia occidentale
Mandriani di renne trovano fossili di mammut in un lago della Siberia occidentale - Sputnik Italia, 1920, 16.02.2021
Seguici su
Gli scienziati del Vector Virology Research Center della Russia stanno ispezionando i resti mummificati di antichi animali siberiani alla ricerca di virus primordiali, lo hanno riferito i media martedì.

Il quotidiano Siberia Times, riporta chesono stati prelevati più di 50 campioni di tessuto molle da una carcassa di 4.450 anni fa di un cavallo conservato nel Mammoth Museum di Yakutsk.

I ricercatori della Vector e della North-Eastern Federal University della Yakutia raccoglieranno campioni da vari animali estinti, tra cui un mammut lanoso di 43.500 anni, un alce, cani e altri animali portati alla luce nel deserto ghiacciato della Siberia.

I campioni verranno quindi inviati alla sede della Vector a Novosibirsk, dove gli scienziati esamineranno i resti alla ricerca di virus, riportato il notiziario.

Il team del Vector Virology Center è ansioso di trovare paleo-virus che consentirebbero di iniziare lo sviluppo della paleo-virologia in Russia e condurre ricerche di punta sull'evoluzione dei virus", ha affermato Olesya Okhlopkova, una ricercatrice di Vector, riporta il Siberia Times.

La ricercatrice ha affermato che finora è stata condotta solo una ricerca limitata sui batteri antichi presenti nei tessuti molli degli animali conservati.

Alla scoperta di resti di animali antichi, gli scienziati di solito conducono un test batteriologico. Finora non sono mai stati effettuati controlli per virus, che sono molte volte più piccoli dei batteri.

Una volta nei laboratori Vector, le informazioni genetiche dei campioni verranno isolate, consentendo ai ricercatori di scrutare la composizione dei resti. Se dovessero essere trovate tracce di virus antichi, i ricercatori saranno in grado di "determinare il potenziale epidemiologico degli agenti infettivi attualmente esistenti", ha spiegato Olesya al quotidiano.

Vector è un centro leader a livello mondiale in biotecnologia, virologia ed epidemiologia. Conserva uno degli ultimi campioni disponibili al mondo di vaiolo ed è lo sviluppatore del secondo vaccino contro il coronavirus realizzato in Russia, l’EpiVacCorona.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала