Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Anzaldi 'avverte' Draghi: "In Rai livelli di faziosità mai visti, partigianeria per Conte"

Michele Anzaldi - Sputnik Italia, 1920, 14.02.2021
Seguici su
Michele Anzaldi, deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza Rai, denuncia mancanza di pluralismo e scarso rispetto di deontologia professionale da parte del servizio pubblico nella copertura dell'insediamento del nuovo governo Draghi.
“Se avessi il numero del portavoce del neopresidente del Consiglio Draghi, gli manderei questo messaggio: ‘Caro collega, il tuo prestigioso e delicato incarico dovrà fare i conti con molte situazioni critiche. In particolare dovrai rapportarti con una Rai che in questi mesi ha toccato il fondo, raggiungendo livelli di faziosità e partigianeria mai visti, che hanno fiaccato il rispetto non soltanto del pluralismo, come sancito da una Delibera Agcom, ma anche della semplice deontologia giornalistica”, ha scritto in una polemica nota Michele Anzaldi, segretario della commissione di Vigilanza Rai.

Le parole del deputato di Italia Viva si riferiscono alla copertura dell'insediamento del nuovo governo Draghi. 

“Pensiamo a quello che abbiamo visto, anche solo nelle ultime ore: il Tg1 che interrompe la diretta sull’insediamento del nuovo governo Draghi dimenticando e ignorando completamente il passaggio della campanella. Una conduttrice Rai come Luisella Costamagna, chiamata addirittura dall’esterno, che ad 'Agorà' su Rai3 esprime giudizi contro il nuovo governo credendo di essere ancora uno dei tanti opinionisti del ‘Fatto Quotidiano’ che occupano tutte le trasmissioni Rai. 'Alla faccia della discontinuità“, ha detto commentando la lista dei nuovi ministri'", ha continuato. 

Le critiche di Anzaldi sono rivolte contro l'enfatizzazione della figura del premier uscente piuttosto che di quello appena insediatosi. 

"I tg Rai, in particolare il Tg1 delle 13.30 di ieri, che hanno dato più spazio all’applauso dei dipendenti di Palazzo Chigi a Conte (una consuetudine che ha accomunato tutti gli ultimi presidenti del Consiglio Letta, Renzi, Gentiloni, ma il tg non lo ha ricordato) che al picchetto d’onore per il nuovo presidente Draghi. Una situazione grave che merita al più presto l’attenzione del nuovo Governo”, ha concluso Anzaldi.

Per Anzaldi si è trattato di una "brutta pagina di servizio pubblico" e l'"umiliazione del giornalismo nella peggiore Rai di sempre". 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала