Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'allarme varianti di Miozzo: "Scuole chiuse se i bambini sono portatori"

© AP Photo / Ben CurtisAgostino Miozzo
Agostino Miozzo - Sputnik Italia, 1920, 13.02.2021
Seguici su
Il coordinatore del comitato tecnico scientifico, da sempre a favore dell'apertura delle scuole e della didattica in classe, di fronte al rischio della diffusione delle varianti fa un passo indietro: "No ad apertura scuole ad ogni costo", ha detto in un'intervista al Giornale.

La diffusione delle varianti può ostacolare l'attività didattica e costringere ad una nuova chiusura delle scuole. Lo sostiene in un'intervista al Giornale uno dei più irriducibili difensori della didattica in presenza, il coordinatore del Comitato tecnico scientifico (Cts) Agostino Miozzo, che adesso però intravede nelle mutazioni del virus un rischio per l'attività scolastica. 

“Se l’evoluzione del contagio ci evidenzia dei rischi reali all’interno delle scuole, non possiamo ignorarli. Ma dobbiamo dimostrare che questa nuova variante può ostacolare la normale attività scolastica", spiega Miozzo. "Ho sempre difeso l’istruzione”, ammette, ma “se anche nel nostro Paese si evidenzierà che ragazzi e bambini sono portatori, certamente si deve chiudere, anche se questa prospettiva mi provoca un grande dolore. La scuola - sottolinea - non è invulnerabile né intoccabile".

"Fare l'impossibile"

La priorità è quella di ridurre il rischio di contagio all'interno degli istituti, costruendo un sistema sanitario scolastico che interagisca con quello territoriale. 

“Dobbiamo fare di tutto, anche l’impossibile, per ridurre il rischio bisogna affrettarsi a usare tutti gli strumenti di cui disponiamo e dobbiamo far rinascere un sistema sanitario scolastico", ha affermato.

Per il coordinatore del Cts serve che ogni istituto si doti di un medico o un infermiere capace di interagire con il sistema sanitario del territorio. 

“Non sono per tenere aperte le scuole a ogni costo e ho sempre contestato la decisione presa in molte parti del paese di tenere a casa i ragazzi ma di lasciare aperti i centri commerciali, semmai avrebbe dovuto essere il contrario", sottolinea. 
© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaUna mamma fa i compiti da casa con suo figlio
L'allarme varianti di Miozzo: Scuole chiuse se i bambini sono portatori - Sputnik Italia, 1920, 13.02.2021
Una mamma fa i compiti da casa con suo figlio

In precedenza Miozzo aveva definito le scelte sulla scuola "incomprensibili" e "fatte dal territorio in assoluta disconnessione con il sistema centrale" e aveva più volte avvertito sui gravi danni psicologici, culturali e sociali dello stop alle lezioni in presenza su bambini e adolescenti.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала