Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

OMS: il ceppo sudafricano del COVID-19 rilevato in 19 paesi europei

© REUTERS / POOLZona rossa Covid in un ospedale di Pretoria
Zona rossa Covid in un ospedale di Pretoria - Sputnik Italia, 1920, 11.02.2021
Seguici su
La variante sudafricana del coronavirus è stata identificata in 19 paesi dell'Europa, ci sono casi di focolai locali, ha riferito l'esperta dell'Ufficio europeo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Catherine Smallwood.

"Stando ai dati di ieri, il ceppo B.1.351 è stato rilevato in 19 paesi della regione europea. Finora molti paesi affermano che tali casi sono legati ai viaggi internazionali. Tuttavia, ci sono state anche segnalazioni dei focolai locali", ha affermato Smallwood in un briefing.

La dottoressa ha fatto notare che anche il ceppo britannico preoccupa l'OMS, in quanto si è diffuso nella metà dei paesi europei. Ha aggiunto che questa variante si diffonde in maniera più rapida nei paesi dell'Europa Occidentale.

"Dobbiamo tracciare tutte le varianti con maggiore attenzione, siccome appena la variante diventerà dominante potrebbe avere impatto sulla curva dei contagi", ha osservato l'esperta.
Nuove varianti

A metà dicembre i funzionari sanitari del Regno Unito hanno annunciato che nel paese è stata identificata una nuova variante del coronavirus. NERVTAG (New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group), il comitato tecnico scientifico sulla pandemia britannico, ha confermato che la nuova variante del coronavirus individuata nel Paese si sta diffondendo a un ritmo più veloce e richiede maggiore cautela da parte della popolazione.

Sebbene la nuova variante del virus, denominata B.1.1.7, secondo stime preliminari, possa essere il 70% più contagiosa del virus SARS-CoV-2 normale, al momento non ci sono informazioni che suggeriscano che sia più pericolosa in termini di decessi o ricoveri.

A dicembre anche il ministero della Sanità del Sudafrica ha riferito di aver rilevato una nuova variante di COVID-19 mutata, in seguito ribattezzata 501.V2, nota anche come B.1.351.

Un'altra variante è stata scoperta più recentemente in Brasile.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала