Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Nuova via della Seta: nel 2020 calo del 54% degli investimenti cinesi

© Sputnik . Roman Galkin / Vai alla galleria fotograficaInvestimenti
Investimenti - Sputnik Italia, 1920, 09.02.2021
Seguici su
Gli investimenti stranieri cinesi nell’ambito dell’iniziativa Nuova via della Seta nel 2020 hanno registrato un calo del 54% rispetto al 2019, tuttavia la Cina sta aumentando gli investimenti nelle rinnovabili in tutto il mondo.

Questo dato si legge nella relazione del Centro di ricerca sulle iniziative green della Nuova via della Seta. Si riferisce che alcuni Paesi come il Vietnam invece hanno ottenuto un afflusso di capitale cinese nell’ambito della BRI.

I media hanno più volte sottolineato il calo degli investimenti cinesi nei Paesi promotori dell’iniziativa Nuova via della Seta nel 2020. Nello specifico, nella prima metà del 2020 gli investimenti si sono attestati nel complesso a 25 miliardi di dollari. A consuntivo non si è riusciti a compensare il calo. Secondo la relazione del Centro di ricerca sulle iniziative green della Nuova via della Seta, tra gennaio e novembre gli investimenti si sono attestati soltanto a 47 miliardi di dollari mentre nel 2019 era stata raggiunta quota 126 miliardi di dollari. Così alcuni osservatori ipotizzano che la Nuova via della Seta avrebbe forse ridotto i ritmi di crescita mentre la Cina avrebbe cominciato ad adottare un approccio più attento riguardo all’economia e alle prospettive di cooperazione nell’ambito di questa iniziativa globale.

Dollari - Sputnik Italia, 1920, 26.01.2021
La Cina supera gli Stati Uniti come principale destinazione degli investimenti esteri
Tuttavia, il calo degli investimenti nel 2020 ha una spiegazione ben più semplice. Per via della pandemia di coronavirus e del calo dei prezzi del petrolio, le attività commerciali in molti in Paesi hanno subito un decremento e questo ha inciso anche sui progetti della BRI, sostiene Bian Yongzu, esperto del Centro di ricerca strategica e di sicurezza presso l’Università Tsinghua.

“L’anno scorso per via della pandemia i contatti internazionali, l’attività commerciale e alcuni progetti ne hanno risentito molto e questo ha provocato, tra l’altro, un decremento degli investimenti cinesi nei progetti della BRI. Inoltre, l’anno scorso c’è stato un significativo calo dei prezzi del petrolio: anche questo ha contribuito a far calare il valore complessivo degli scambi e degli investimenti che intercorrono tra la Cina e alcune nazioni petrolifere del Medio Oriente. Molti Paesi che hanno registrato una contrazione dell’afflusso di investimenti sono quelli in via di sviluppo. Il grado di globalizzazione è relativamente basso così come la loro attività economico-commerciale in linea con il trend globale. Possiamo dire che anche queste sono le ragioni per cui gli investimenti nella Nuova via della Seta sono calati”.

Tuttavia, l’importanza di questo progetto infrastrutturale non si è ridotta per molti Paesi in via di sviluppo. I Paesi africani (molti dei quali hanno aderito all’iniziativa cinese nell’ambito della BRI) e alcuni Paesi asiatici continuano a registrare una grave carenza delle più elementari infrastrutture e questo costituisce un importante ostacolo al loro sviluppo economico. Ad esempio, stando ai dati del 2018, soltanto il 40% degli africani aveva accesso all’energia elettrica e solo il 33% alle strade asfaltate. Soltanto sul 5% di tutte le terre agricole africane era presente un sistema di irrigazione. Pertanto, la Cina continuerà a investire attraverso la Nuova via della Seta nelle infrastrutture dei Paesi che più ne hanno bisogno, sostiene l’esperto.

“Al momento l’iniziativa Nuova via della Seta è riconosciuta da molti Paesi e organizzazioni internazionali. La Cina ha fornito un contributo significativo allo sviluppo del pianeta mediante questa iniziativa, soprattutto per i Paesi meno sviluppati. La Cina si sta assumendo molti impegni per garantire lo sviluppo di questi Paesi. In futuro la Cina indubbiamente continuerà ad aumentare gli investimenti nell’ambito della BRI e le relazioni con i Paesi partecipanti all’iniziativa si faranno più stretti. L’anno scorso la pandemia ci ha provocato dei problemi. Ma non appena l’emergenza sanitaria sarà rientrata, la cooperazione tra la Cina e i Paesi dell’iniziativa tornerà a pieno regime”.

Il lancio del razzo vettore Changzheng-2D - Sputnik Italia, 1920, 31.05.2020
La Cina mette in orbita due satelliti per soccorsi e costruzione della nuova Via della Seta
Si consideri che la Nuova via della Seta è una iniziativa globale e pertanto la Cina si vede costretta ad adattarsi a specificità economiche oggettive. La crisi scatenata dalla pandemia ha avuto un impatto significativo sulla maggior parte dei Paesi (sviluppati e in via di sviluppo). Stando alle previsioni del FMI, entro il 2022 persino le economie di Cina e USA registreranno ancora valori che risentiranno della crisi. A risentirne maggiormente saranno i Paesi in via di sviluppo (-8% rispetto ai valori pre-crisi). In tal senso la domanda di grandi progetti infrastrutturali, sostiene l’esperto, diminuirà poiché caleranno i consumi di energia elettrica. Tuttavia, laddove c’è domanda ci saranno anche investimenti. Ed è lì che la Cina investirà. Nello specifico, gli investimenti in Vietnam sono cresciuti del 200% rispetto al 2020. Nonostante la pandemia, nell’ambito dell’iniziativa Nuova via della Seta Polonia, Bulgaria, Serbia, Zimbabwe, Zambia, Cile e Tailandia hanno attirato più investimenti rispetto al 2019.

La stragrande maggioranza di tutti i progetti dell’iniziativa (80%), come notano gli autori della relazione, si concentra sul settore dei trasporti e su quello dell’energia. Tuttavia, la Cina tenterà di aumentare la qualità degli investimenti, anche nell’ambito della BRI, e di investire in energia pulita, si legge nella relazione.

Controllori cinesi - Sputnik Italia, 1920, 27.03.2019
Perché la Nuova Via della Seta serve all’Africa
Anzitutto, investire nelle rinnovabili non è così rischioso: i progetti di costruzione di centrali eoliche o solari non sono tanto estesi come quelli per la costruzione di una centrale termoelettrica e questo consente di ridurre i rischi e di garantire un certo ritorno sugli investimenti. Inoltre, la Cina così assume il ruolo di difensore responsabile dell’ambiente a livello globale, il che è in linea con le obbligazioni che Pechino ha assunto per conseguire la neutralità carbonica entro il 2060.

Nel 2020 la Cina ha già compiuto i primi passi per garantire la sostenibilità dei progetti della BRI: per la prima volta gli investimenti in energia pulita sono stati la maggioranza (57%) degli investimenti cinesi nel settore energetico.

Nel 2013 la Cina presentò l’iniziativa di investimento globale Nuova via della Seta che propone di instaurare una cooperazione a livello commerciale e di investimenti, nonché di costruire infrastrutture in quei Paesi lungo i quali un tempo passava la Via della Seta. In seguito l’idea si è estesa e oggi la Nuova via della Seta è una ampia area di cooperazione economico-infrastrutturale alla quale hanno aderito oltre 100 Paesi. Sin dall’inizio la Cina ha investito del progetto centinaia di miliardi di dollari. Oggi nell’ambito dell’iniziativa sono attivi oltre 3.000 progetti finalizzati essenzialmente a costruire le infrastrutture di base nei Paesi in via di sviluppo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала