Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid e costo del lavoro, ecco le nuove sfide per le aziende italiane in Cina

© AP Photo / Mark SchiefelbeinPechino, Cina
Pechino, Cina - Sputnik Italia, 1920, 09.02.2021
Seguici su
La Camera di commercio italiana in Cina fa il punto su opportunità e sfide per le aziende italiane che operano nel Paese.

Non c’è stata solo la paralisi del sistema economico e produttivo innescata dalla pandemia scoppiata a dicembre del 2019 a Wuhan. Il 2020 per le aziende italiane che operano in Cina è stato un anno complicato anche per l’aumento del costo del lavoro e per la sempre maggiore competitività delle aziende cinesi e straniere in generale.

È quanto emerge dal Business Survey della Camera di commercio italiana in Cina (CCIC) realizzato con il contributo dell’International Business School Suzhou presso la Xi’an Jiaotong Liverpool University, che per la prima volta ha coinvolto anche aziende cinesi.

In tutto a rispondere alle domande su “panoramica aziendale, scelte strategiche, performance finanziaria, contesto imprenditoriale e prospettive” sono state 304 imprese.

L'epidemia del coronavirus in Italia - Sputnik Italia, 1920, 02.03.2020
Coronavirus, crisi economica: 10% aziende italiane rischia fallimento

Per la maggior parte si tratta di Pmi. Più della metà si trova in Cina da oltre dieci anni, mentre la restante parte è approdata nel Paese del Dragone in tempi più recenti, attirata, come si legge su Askanews, che ha sintetizzato i risultati della ricerca, da “accesso al mercato”, “crescita economica robusta” e “elevata domanda di prodotti e servizi da parte dei clienti”. I settori sono i più disparati: dall’automotive, ai macchinari e manifatturiero in generale, passando per i servizi.

A mettere l’accento sull’aumento del costo del lavoro negli ultimi tre anni è stato l’83 per cento delle aziende interpellate. Ad influire negativamente sul fatturato del 2020 per chi opera in Cina, inoltre, c’è stata anche la “guerra dei dazi” tra l’ex presidente americano Donald Trump e Xi Jin Ping.

Tuttavia la stragrande maggioranza degli intervistati, almeno l’80 per cento, prevede “una prospettiva stabile per i ricavi nella Cina continentale e un calo del 20 per cento per la Grande Cina”.

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaCina, dragone
Covid e costo del lavoro, ecco le nuove sfide per le aziende italiane in Cina - Sputnik Italia, 1920, 09.02.2021
Cina, dragone
Anche l’azione del governo cinese verso un maggiore snellimento delle procedure burocratiche per fronteggiare la crisi portata dal Covid è stata apprezzata dagli imprenditori italiani che si fidano delle iniziative strategiche messe in campo da Pechino come Made-in-China 2025 e la Belt and Road Initiative, il piano per creare un corridoio tra Asia ed Europa volto ad incrementare gli scambi che, scommette chi opera nel Paese, porteranno maggiori ricavi.

La valutazione della “esperienza d’impresa” nonostante le sfide inedite poste dal 2020 è complessivamente positiva.

E anche per il 2021 a prevalere è la fiducia. Il 70 per cento delle aziende si aspettano una evoluzione positiva per i prossimi cinque anni e la maggior parte è decisa a continuare ad investire in Cina da qui al 2025.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала