Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Arabia Saudita vs Russia: chi conquisterà il mercato cinese del greggio

© AP Photo / Matthew BrownEstrazione del greggio
Estrazione del greggio - Sputnik Italia, 1920, 08.02.2021
Seguici su
L’anno scorso l’Arabia Saudita ha inviato in Cina circa 85 milioni di tonnellate di greggio garantendo un prezzo scontato e togliendo mercato alla Russia che ha commerciato sul mercato cinese 83,5 milioni di tonnellate.

Mosca deve poi confrontarsi anche con altri esportatori concorrenti quali Iraq, Brasile, Angola. Persino gli USA, nonostante il conflitto economico in corso, stanno attivamente coltivando gli scambi nel settore. Sputnik cerca di stimare il livello di rischio che tale situazione può generare per gli interessi nazionali russi.

Il pomo nero della discordia

Russia e Arabia Saudita sono i maggiori produttori ed esportatori di greggio che concorrono tra di loro con successi alternati. Questa volta il Regno saudita ha fatto ricorso al dumping, cioè la riduzione artificiale dei prezzi.

“Dopo che Mosca all’incontro primaverile dell’OPEC+ si è rifiutata di ridurre le estrazioni, i sauditi hanno offerto uno sconto senza precedenti a tutte le regioni con cui intrattengono scambi, ivi compresa la Cina. La Cina ha sfruttato lo sconto senza farselo ripetere due volte”, spiega Irina Aydrus, docente dell’Istituto di economia e imprenditoria globali presso l’Università dell’amicizia tra i popoli (RUDN).

La bandiera cinese - Sputnik Italia, 1920, 11.10.2020
Il mercato cinese rimane attrattivo per le società sudcoreane e giapponesi
Naturalmente la Russia ha registrato un calo delle esportazioni del 7,5% rispetto al 2019. L’Arabia Saudita invece ne ha approfittato totalizzando un + 2% e tornando ai valori pre-crisi. Tutti stanno tentando di accaparrarsi la fetta più grande della torta che in questo caso è il mercato cinese. La Cina è il maggiore importatore al mondo con più del 13% dei consumi globali. Quest’anno la Cina ha acquistato 542,4 milioni di tonnellate di greggio (ossia 10,85 milioni di barili al giorno). Nonostante la pandemia le importazioni hanno registrato un aumento del 7,6%.

“L’economia cinese si sta riprendendo a ritmi molto buoni e la domanda di greggio è in costante aumento. Presto si concluderà la costruzione di 4 raffinerie la cui potenza complessiva supera il milione di barili al giorno. La popolazione intanto sta per raggiungere il miliardo e mezzo di persone”, osserva Oleg Kalenov, docente di Economia industriale presso l’Università russa Plekhanov di Economia. “Pertanto, il consumo di greggio all’interno della Cina sta aumentando. Una quota considerevole di quest’energia è destinata alla produzione di plastica”.

Inoltre, sulla scorta dell’accordo siglato con Washington Pechino è tenuta ad aumentare le importazioni di risorse energetiche del 2021 di circa 34 miliardi di dollari, ossia raddoppiarle rispetto al 2020, ricorda Irina Aydrus.

Mirino puntato sul mercato asiatico

La bandiera della Cina - Sputnik Italia, 1920, 20.03.2018
Esperti: la Cina ha vinto la battaglia con gli USA per il petrolio in Iraq
Il terzo maggior esportatore di greggio in Cina è l’Iraq che ha aumentato le forniture in esito al calo del 16% di quelle provenienti dal Venezuela, dovuto alle sanzioni americane. In quarta posizione troviamo in Brasile con 42 milioni di tonnellate e al quinto l’Angola.

Nonostante le divergenze politiche ed economiche, gli americani hanno triplicato le esportazioni raggiungendo quota 19,76 milioni di tonnellate. “Tuttavia, il greggio russo risulta comunque meno caro alla Cina per via dell’oleodotto Siberia orientale-Oceano Pacifico e grazie ai porti collegati alle raffinerie cinesi”, precisa Kalenov.

In generale, gli economisti non hanno individuato sul mercato cinese particolari rischi per la Russia. Ma non sarà possibile privare gli esportatori sauditi della loro quota di esportazioni.

“I sauditi si sono assicurati un vantaggio soltanto temporaneo che riguarda i volumi di fornitura più che i ricavi totali. E questo per via del dumping. Anche la Russia avrebbe potuto concedere uno sconto e ridurre lo scarto competitivo, ma in questo modo l’erario non avrebbe ricevuto fondi a sufficienza”, spiega Petr Pushkarev, economista del centro di analisi e informazione TeleTrade.

Impianto produzione gas Saudi Aramco - Sputnik Italia, 1920, 27.12.2020
Energia, l'Arabia Saudita con Aramco scopre 4 nuovi giacimenti di petrolio e gas
Pushkarev osserva che il bilancio saudita dipende dal greggio più di quanto valga per quello russo. Per Riad era fondamentale mantenere o estendere la quota di mercato durante il 2020. E questo spiega il dumping.

Tra l’altro, le entrate russe si sono ridotto anche senza concedere sconti. Tra gennaio e novembre si registra un calo del 41%, fino a 66,4 miliardi di dollari. Questi sono i dati della Direzione federale delle Dogane. Il fenomeno è dovuto alla riduzione dei prezzi e del costo delle esportazioni, osserva Aydrus.

La quota di bilancio relativa ai proventi derivanti dalla vendita di prodotti gasiero-petroliferi si è ridotta del 14% battendo di fatto un minimo storico. Tuttavia, rimane il problema di uscire dalla dipendenza dal greggio.

Persino durante la crisi l’estrazione e la vendita di idrocarburi si sono rivelate attività estremamente profittevoli. Pertanto, gli ambiti diversi da quello gasiero-petrolifero appaiono meno attraenti per gli investitori.

Questo fenomeno può essere risolto aumentando le imposte da scontare sul settore e favorendo una redistribuzione dei proventi, sostengono gli economisti.

Petrolio per la vita

Nel 2020 la Russia è stata salvata dal cuscinetto di riserve auree che in un anno ha persino registrato un aumento di 40 miliardi di dollari. “I proventi delle società petrolifere russe in rubli per via del cambio sfavorevole e a causa dell’elevato prezzo della benzina sul mercato interno hanno contribuito a mantenere saldi i prezzi del greggio destinato all’esportazione. Purtroppo sono stati sacrificati in parte i volumi”, spiega Pushkarev.

Ora il tempo degli sconti è passato, la domanda globale di petrolio è in ripresa. Il FMI prevede che i prezzi medi registrino un aumento nel 2021 del 20% rispetto al 2020.

Ad ogni modo gli analisti non ritengono che i concorrenti presenti sul mercato degli idrocarburi costituiscano una minaccia per la Russia.

Bambino, pressi di Parigi - Sputnik Italia, 1920, 13.02.2020
Scienziati giapponesi dimostrano come ottenere energia pulita dai vetri delle finestre
Le raffinerie cinesi e indiane potrebbero presentare nei prossimi 5-7 anni una domanda di carburante persino maggiore poiché in quei Paesi non vi è il desiderio a breve di effettuare una transizione verso forme di energia sostenibili.

I ritmi di crescita della produzione industriale in questo Paesi rimangono stabilmente alti. Inoltre, è probabile che si riducano le estrazioni di scisto negli USA dove il nuovo governo ha vietato la trivellazione sul suolo federale. A quanto pare i produttori di scisto non potranno tornare alla ribalta come hanno fatto con Trump. Ciò significa che buona parte del petrolio rimarrà nel mercato interno.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала