Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Von der Leyen: ricerca dei vaccini anti-Covid non è concorrenza

© AP Photo / Michael SohnUrsula Von der Leyen
Ursula Von der Leyen - Sputnik Italia, 1920, 07.02.2021
Seguici su
Bruxelles ha annunciato il 29 gennaio che controllerà l'esportazione di vaccini anti-Covid prodotti nella Ue, pertanto sarebbero stati effettuati controlli doganali al confine tra la Repubblica d'Irlanda e l'Irlanda del Nord. Tuttavia la proposta per un confine irlandese è di breve durata.

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha affermato che la ricerca dei vaccini contro il coronavirus "non sono una competizione tra europei, russi, cinesi e americani", ma una questione molto più "seria".

Parlando con studenti ed esperti al vertice sull'economia di Warwick in videoconferenza, la presidente della Commissione Europea ha affermato che il ricordo di un mondo di "due blocchi" è ancora vivo nella sua mente.

"Le superpotenze combattevano per espandere o mantenere la loro sfera di influenza. Ebbene, questo mondo è ormai lontano", ha detto inizialmente Von der Leyen. Ma poi è passata ai temi d'attualità ed ha confrontato la mentalità della Guerra Fredda con la corsa al vaccino anti-Covid.

Secondo la presidente della Commissione Europea, "alcuni Paesi" stanno trasformando lo sviluppo del vaccino in una competizione, non in una lotta contro il nemico comune, il coronavirus.

"Pensiamo ad esempio ai vaccini contro il Covid-19. Alcuni Paesi vedono la ricerca di un vaccino come una corsa tra potenze globali, come la corsa allo spazio negli anni Sessanta", ha aggiunto von der Leyen.

"Questa è un'illusione. L'unica corsa è contro il virus, e il virus si sta diffondendo più velocemente che mai".

Ma nonostante abbia denunciato l'approccio da Guerra Fredda, la leader europea non ha ancora dimenticato di puntare il dito contro la Cina come "rivale sistemica".

"Lasciatemi essere molto chiara, sebbene la Cina e l'Unione Europea cooperino quando si tratta di combattere il cambiamento climatico, anche se concorrenti in campo economico, siamo rivali sistemici", ha detto la presidente della Commissione.

"Quando si tratta della società, dei diritti individuali e del ruolo dei governi, l'Europa continuerà a denunciare le violazioni dei diritti umani e spingere per il cambiamento", ha aggiunto, citando l'appello "per la democrazia" dei manifestanti di Hong Kong: "crediamo che ogni essere umano ha diritto agli stessi diritti fondamentali".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала