Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Borrell: le relazioni Ue-Russia lontano dall'essere soddisfacenti

© МИД РФ / Vai alla galleria fotograficaIl vertice tra il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e l'Alto rappresentante per gli Affari Esteri dell'Ue Josep Borrell
Il vertice tra il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e l'Alto rappresentante per gli Affari Esteri dell'Ue Josep Borrell - Sputnik Italia, 1920, 07.02.2021
Seguici su
Le relazioni tra la Russia e l'Unione Europea sono tutt'altro che soddisfacenti, si afferma in una dichiarazione dell'Alto rappresentante della Ue per la politica estera e di sicurezza Josep Borrell a margine della sua visita a Mosca.

Il capo della diplomazia euro è stato nella capitale russa dal 4 al 6 febbraio. In questi giorni ha incontrato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, nonché i rappresentanti delle organizzazioni pubbliche.

Parlando delle relazioni tra l'Unione Europea e la Russia, Borrell ha sottolineato che "i canali di comunicazione diplomatici dovrebbero rimanere aperti non solo per l'allentamento di crisi o incidenti, ma anche per lo scambio diretto di opinioni e la comunicazione di messaggi fermi e franchi".

Secondo Borrell, Bruxelles è preoccupata per la situazione dei diritti umani in Russia. A questo proposito il capo della diplomazia europea ha nuovamente condannato la sentenza di condanna inflitta ad Alexey Navalny, chiedendo alle autorità di scarcerarlo. 

Il cancelliere federale austriaco Sebastian Kurz - Sputnik Italia, 1920, 06.02.2021
Cancelliere austriaco dice no al legame tra futuro di Nord Stream-2 e caso Navalny

L'alto rappresentante della politica estera della Ue ha ribadito le critiche per la decisione di Mosca di espellere tre diplomatici di Germania, Svezia e Polonia a seguito della loro partecipazione a manifestazioni non autorizzate ed ha invitato i colleghi russi a riconsiderare questa decisione. Allo stesso tempo ha smentito le accuse secondo cui erano "impegnati in attività incompatibili con lo status di diplomatici".

Martedì il tribunale Simonovsky di Mosca ha sostituito la condanna con la condizionale di Navalny nel caso Yves Rocher con una pena detentiva reale di 3 anni e mezzo. Poco dopo il verdetto, i principali Paesi occidentali, tra cui Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito, hanno invitato le autorità russe a rimettere in libertà il blogger e oppositore.

Il ministero degli Esteri russo ha caratterizzato le dichiarazioni dei Paesi occidentali su questo argomento come una campagna di informazione coordinata, il cui obiettivo è "il tentativo globale di contenere il nostro Paese e di interferire nei suoi affari interni".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала