Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Blinken afferma USA terranno conto della Cina negli "sforzi per minacciare stabilità Indo-Pacifico"

© AP Photo / Bullit MarquezOperazione militare congiunta USA - Filippine
Operazione militare congiunta USA - Filippine - Sputnik Italia, 1920, 06.02.2021
Seguici su
Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha detto al membro del Politburo del Partito Comunista Cinese Yang Jiechi che gli Stati Uniti avrebbero imposto alla Cina di rendere conto delle sue attività destabilizzanti nella regione indo-pacifica, lo dice un portavoce del Dipartimento di Stato americano.

"Il segretario Blinken ha sottolineato che gli Stati Uniti continueranno a difendere i diritti umani e i valori democratici, anche nello Xinjiang, in Tibet e a Hong Kong, e insiste affinché la Cina si unisca alla comunità internazionale nel condannare il colpo di Stato militare in Birmania", ha detto venerdì Ned Price.

"Il Segretario ha ribadito che gli Stati Uniti lavoreranno insieme ai loro alleati e partner in difesa dei nostri valori e interessi condivisi ritenendo la Repubblica popolare cinese responsabile dei suoi sforzi di minacciare la stabilità nell'Indo-Pacifico, anche attraverso lo Stretto di Taiwan, e il suo indebolimento del sistema internazionale basato su regole ", ha aggiunto.

I commenti del Dipartimento di Stato sono arrivati appena un giorno dopo che il presidente Joe Biden ha tenuto il suo primo discorso di politica estera, in cui ha definito la Cina il "concorrente più serio" degli Stati Uniti, ma si è impegnato a cooperare con Pechino "quando è nell'interesse dell'America."
​La settima flotta ha annunciato venerdì in un comunicato stampa ufficiale che il cacciatorpediniere USS John S. McCain ha attraversato il Mar Cinese Meridionale in quella che ha definito un'operazione di "libertà di navigazione".

"Il transito della nave attraverso lo stretto di Taiwan dimostra l'impegno degli Stati Uniti per un Indo-Pacifico libero e aperto", ha detto il tenente della marina Joe Keiley, portavoce della settima flotta della Marina. "L'esercito degli Stati Uniti continuerà a volare, navigare e operare ovunque il diritto internazionale lo consenta".

Pechino afferma che il Mar Cinese Meridionale è il suo territorio sovrano e ha costruito basi militari su isole create artificialmente. Il paese rivendica anche territori contesi nel Mar Cinese orientale. Gli Stati Uniti vedono il Mar Cinese Meridionale come una via d'acqua internazionale e inviano navi da guerra a pattugliare regolarmente le vie d'acqua nelle cosiddette esercitazioni di libertà di navigazione.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала