Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Danieli Telerobot Labs nell'élite dell'energia a fusione nucleare pulita

ITER Danieli Telerobot Labs, parte del Danieli Group
ITER Danieli Telerobot Labs, parte del Danieli Group - Sputnik Italia, 1920, 04.02.2021
Seguici su
L'azienda, consociate del Danieli Group, si è aggiudicata la fornitura dei veicoli per l’ispezione dei condotti di alimentazione del progetto internazionale ITER.

Il progetto internazionale ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) coinvolge 35 nazioni nella realizzazione di un dispositivo di fusione con dimensioni doppie rispetto quanto sino a oggi creato ed è affidato a F4E (Fusion for Energy), l’agenzia europea che si occupa della gestione delle forniture di pertinenza dell’Unione Europea.

Quest'ultimo si prefigge l’obiettivo di dimostrare la fattibilità scientifica, tecnica ed economica di una centrale termoelettrica a fusione nucleare. 

Danieli Telerobot Labs, consociata del Gruppo Danieli, che offre soluzioni su misura per l’integrazione robotica a livello industriale, si è aggiudicata la fornitura dei veicoli per l’ispezione dei condotti di alimentazione del criostato.

"Il progetto si pone come sfida di primo livello per l’azienda, in grado di elevare a nuovi standard tecnici e qualitativi l’ingegnerizzazione dei robot fino a oggi prodotti. I veicoli di ispezione dovranno infatti essere miniaturizzati affinché possano agilmente muoversi all’interno di spazi con soli 50 mm di diametro" si legge nel comunicato di Danieli Telerobot Labs.

Il contratto, della durata di tre anni e dall’importo di 1,8 milioni di euro, prevede la consegna dei robot di ispezione all’inizio del 2024.

In precedenza l'azienda aveva concluso due operazioni nell'ambito dell'export e della collaborazione con la Russia: un'operazione per la vendita di una linea di trattamento termico per laminati del valore di 12,7 milioni di euro in favore di Oskol Electrometallurgical Plant (OEMK – parte di Metalloinvest) ed un contratto da 430 milioni di euro per realizzare un impianto di produzione pellet metallizzati con tecnologia DRI nel polo metallurgico OMK di Vyksa, fornitore, tra gli altri, di Ferrovie Russe (RZD) e North Stream.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала