Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, D'Ippolito (Spallanzani): "Precludere ristoranti, cinema, stadi e aerei a chi non si vaccina"

CC0 / Free-Photos / ConcertRagazzi ad un concerto. In un anno di stop le cifre date da Bauli in piazza fotografano un settore in ginocchio: -89% concerti dal vivo.
Ragazzi ad un concerto. In un anno di stop le cifre date da Bauli in piazza fotografano un settore in ginocchio: -89% concerti dal vivo. - Sputnik Italia, 1920, 04.02.2021
Seguici su
La proposta arriva dal direttore scientifico dello Spallanzani, che prevede l'introduzione di severe limitazioni per coloro che sceglieranno di non farsi vaccinare per scelta personale.

Sulla questione delle vaccinazioni è intervenuto, in un'intervista rilasciata a Repubblica, anche il direttore scientifico del Lazzaro Spallanzani di Roma, il quale ha auspicato che gli italiani aderiscano in massa alla campagna vaccinale:

"Il problema ora è la mancanza del vaccino. Fra gli over 80 nel Lazio si sono registrate 100mila prenotazioni solo il primo giorno. Ho fiducia che gli italiani abbiano capito l’importanza del vaccino. L’adesione al distanziamento, che da noi è elevata, dimostra che se le cose sono spiegate chiaramente, vengono capite", ha dichiarato D'Ippolito.

© REUTERS / Andreas GebertVaccino Pfizer-BioNTech
Covid, D'Ippolito (Spallanzani): Precludere ristoranti, cinema, stadi e aerei a chi non si vaccina - Sputnik Italia, 1920, 04.02.2021
Vaccino Pfizer-BioNTech

Fra gli scettici, secondo l'esperto, è possibile distinguere diverse categorie di persone:

"Ci sono 5 tipi di persone:

  • chi pensa di non essere a rischio di ammalarsi;
  • chi non capisce o non vuole capire l’importanza della vaccinazione come atto civico;
  • chi ha dubbi sulla sua efficacia;
  • chi ha paura degli effetti collaterali;
  • chi pensa che sia stato sviluppato troppo alla svelta", ha proseguito il professore

Per contrastare questa esitazione, secondo D'Ippolito, potrebbe rendersi utile il coinvolgimento di diversi mezzi di informazione, non solo quelli tradizionali come la TV e la carta stampata:

"Negli Usa il pastore che nel sermone ti invita a vaccinarti, e magari ospita la vaccinazione nei locali della chiesa, può convincere più persone di una costosa campagna sui media. Si potrebbero coinvolgere anche gli influencer sui social media", ha affermato.

Limitazioni per chi non è vaccinato

Ma per D'Ippolito, la cosa più importante sarà quella di precludere o comunque limitare l'accesso a diverse attività per coloro che sceglieranno di non vaccinarsi:

"Molte attività dovranno essere precluse a chi non è vaccinato: ristorante, cinema, stadio, aereo", è stata la proposta del direttore dello Spallanzani, il quale ha poi aggiunto che tali "misure potranno essere adottate quando il vaccino sarà disponibile per tutti, altrimenti sarebbero un fattore discriminante".

Mercato - Sputnik Italia, 1920, 28.01.2021
Ritardi nei vaccini, stima di Confesercenti: all'Italia costano 4,7 miliardi di euro al mese

Sulla scelta del vaccino

Per quanto riguarda la scelta del vaccino, il fattore più importante per D'Ippolito è la presenza dell'approvazione da parte di EMA e AIFA:

"Quando un vaccino viene approvato da Ema e Aifa può essere usato in tutta fiducia perché è stato esaminato nei minimi dettagli. Le percentuali di efficacia, questo vaccino il 95%, quello il 59%, si riferiscono alla capacità di prevenire le forme con sintomi. Se parliamo della capacità di evitare le forme gravi, l’efficacia di tutti i vaccini approvati, e di altri di cui conosciamo i dati come Johnson&Johnson o Sputnik, è per tutti il 100%.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала