Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'ipotesi Draghi, centrodestra diviso tra voto anticipato e governo dei meritevoli

© AP Photo / Gregorio BorgiaMatteo Salvini e Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi
Matteo Salvini e Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi - Sputnik Italia, 1920, 03.02.2021
Seguici su
Il centrodestra si è presentato con una delegazione unica alle consultazioni con Mattarella. Ma la convocazione di Draghi al Quirinale per il conferimento dell'incarico da presidente del Consiglio, ha suscitato reazioni differenti tra le varie anime presenti nella coalizione.

I partiti del centrodestra hanno risposto in maniera differente all'appello del presidente della Repubblica per un governo di alto profilo. Forza Italia mantiene un prudente silenzio e dopo aver chiesto un "governo dei migliori che rappresenti l'unità nazionale" ricorda l'antica stima per Mario Draghi. Gli alleati, invece, chiedono di restituire la voce ai cittadini con il voto anticipato. Ma con gli opportuni distinguo. 

Le altre forze minori del centrodestra, come Cambiamo! di Giovanni Toti e Noi con l'Italia di Marcello Lupi, hanno già dato la disponibilità per un possibile governo Draghi. 

Forza Italia

Il partito di Silvio Berlusconi si riserva di valutare assieme agli alleati. Ma fino a poche ore prima della fumata nera al Colle i massimi vertici azzurri hanno invocato un governo di unità nazionale guidato dai "meritevoli", in alternativa alla maggioranza giallorossa. L'ipotesi Draghi risulta convergente con l'idea di un governo di "tutte le forze migliori del Paese" invocato dal Cavaliere, che non nasconde le sua "antica stima" per l'ex numero uno della Banca centrale europea. 

Silvio Berlusconi - Sputnik Italia, 1920, 19.12.2019
Berlusconi apre a Draghi premier tecnico

La vicepresidente dei forzisti alla Camera dei Deputati mostra un'apertura rivolto da Mattarella ai gruppi politici in parlamento per conferire la fiducia ad un governo di alto profilo. 

"L’alto appello del Presidente Mattarella pone fine a vergognose contrattazioni e impone a tutti i partiti una risposta patriottica alle sofferenze del Paese", scrive la Carfagna su Twitter. "Oggi più che mai la politica ha il dovere di guardare agli italiani, non ad ambizioni personali e convenienze elettorali", dice, lanciando quella che sembra essere una frecciata agli alleati. 

​Fratelli d'Italia

Giorgia Meloni resta fedele alla linea del ritorno al voto subito e non ha dubbi nel chiedere immediatamente di dare la parola ai cittadini con le elezioni anticipate, nonostante l'accorato discorso del presidente Mattarella sulla necessità di avere un governo con incarico pieno. 

"Noi pensiamo sia decisamente meglio dare la possibilità agli italiani di votare, per avere una maggioranza coesa e forte che possa governare cinque anni e dare all'Italia le risposte coraggiose di cui ha bisogno", scrive in un tweet.

​"Il Presidente valuta più opportuno rischiare un governo che per due anni avrà molte difficoltà a trovare soluzioni efficaci per gli italiani. Noi, invece, pensiamo sia decisamente meglio dare la possibilità agli italiani di votare, per avere una maggioranza coesa e forte", prosegue. 

Giorgia Meloni dichiara inoltre che il suo partito si riserva un confronto con le altre forze di centro destra ma "all'appello del Presidente rispondiamo che, in ogni caso, anche dall'opposizione ci sarà sempre la disponibilità di Fratelli d'Italia a lavorare per il bene della Nazione".

La Lega

Il partito di Matteo Salvini, pur avendo aperto in passato ad un'ipotesi Draghi, chiede il voto anticipato insistendo sul fatto che è possibile organizzare le elezioni in pandemia.

"Non si può votare per il pericolo del contagio? Dovremmo spiegarlo ai calabresi che votano per le regionali l'11 aprile e ai milioni di italiani che voteranno per le comunali in primavera (1.300 comuni, tra cui Roma, Milano, Torino, Napoli, Bologna)", dice Salvini, che aggiunge ironicamente: "Il virus colpisce solo per le elezioni politiche e non per le amministrative?".

​Al posto di un governo tecnico la Lega ribadisce che la via maestra sono le elezioni e, anche se riceverà l'incarico, Draghi dovrà condurre il Paese al voto a maggio o giugno

"Il centrodestra ha le idee chiare sulle priorità per rilanciare l’Italia: piano vaccinale serio, taglio delle tasse e Flat Tax al 15% per famiglie e imprese, apertura immediata di tutti i cantieri fermi, piano di utilizzo efficace dei fondi europei, profonda riforma della giustizia, pace fiscale. L’Italia non merita di essere in ostaggio di incapaci, voltagabbana, perdenti seriali di elezioni e amanti delle poltrone. Abbiamo donne, uomini e idee per riportare l’Italia al posto che merita, scrive Salvini in un tweet.

​Nelle prossime ore è probabile che le forze di centrodestra si riuniscano per trovare una sintesi. Tutti i partiti da Forza Italia a Cambiamo! sono d'accordo sulla necessità di un confronto per elaborare una posizione condivisa. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала