Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Istat, Pil migliore delle stime del governo: calo dell'8,8%

© Foto : Pixabay / Gerd Altmann Banconotte di 500 euro
Banconotte di 500 euro - Sputnik Italia, 1920, 02.02.2021
Seguici su
Pil migliore delle stime del governo, che prevedevano un calo del 9% per l'anno 2020. La robusta ripresa del terzo trimestre compensa la flessione subita negli altri periodi a causa della pandemia.

Il Pil cala ma meno del previsto. E' quanto emerge dai dati Istat sulla produzione italiana nel 2020, migliore rispetto alle stime contenute nella nota di aggiornamento al Def, che prevedeva una variazione negativa pari al 9%. Nelle stime provvisorie la flessione c'è stata ma di entità lievemente inferiore, pari al -8,8% rispetto all'anno scorso sui dati grezzi. 

Corretto per le giornate lavorative effettive (nel 2020 ci sono state due giornate in più rispetto al 2019) il Pil del 2020 ha subito una variazione negativa dell'8,9%. 

economia grafico - Sputnik Italia, 1920, 01.02.2021
Occupazione in Italia, -444 mila nel 2020 dice l’Istat
Il quarto trimestre ha visto un peggioramento del 2% rispetto al precedente, in sintonia con le previsioni degli analisti che attendevano una contrazione compresa tra il 2,2 e 2 punti percentuali. Rispetto al quarto trimestre del 2019 si rileva un calo del 6,6%. 

L'Istat valuta una spinta positiva per il 2021. Positivo il Pil acquisito, quello che si otterrebbe se la variazione di tutti e quattro i trimestri dell'anno fosse pari a zero, pari a +2,3%. Il calco è stato effettuato sulla base delle stime sul quarto trimestre del 2020.

Dopo il robusto recupero del terzo trimestre, con un balzo del Pil al 16%, nel quarto l'economia italiana registra una nuova contrazione "a causa degli effetti economici delle nuove misure adottate per il contenimento dell'emergenza sanitaria. Tale risultato - continua l'Istituto di statistica - determina un ampliamento del calo tendenziale del Pil: da -5,1% del trimestre precedente a -6,6%", commenta l'istituto di statistica.

La stima preliminare di natura provvisoria, riflette dal lato dell’offerta  un netto peggioramento della congiuntura dei servizi, a fronte di una contrazione di entità limitata dell’attività industriale. I risultati dei conti nazionali annuali per il 2020 saranno diffusi il prossimo 1 marzo, mentre quelli trimestrali coerenti con i nuovi dati annuali verranno presentati il 3 marzo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала