Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Biden accelera sull'annullamento delle leggi anti immigrazione di Trump

© REUTERS / TOM BRENNERJoe Biden firma i primi decreti, gennaio 20 del 2021
Joe Biden firma i primi decreti, gennaio 20 del 2021 - Sputnik Italia, 1920, 02.02.2021
Seguici su
Il presidente statunitense Joe Biden intende "snellire" il processo di naturalizzazione di nove milioni di migranti. Lo riferisce il canale France 24, citando fonti nell'amministrazione degli Stati Uniti.

Secondo quanto riportato dall'emittente televisiva, la misura di Biden è volta a respingere le politiche migratorie "fallite" del suo predecessore Donald Trump.

In particolare, il capo di Stato firmerà una serie di ordini esecutivi che cambieranno il processo di immigrazione negli USA, marcando il ritorno alle politiche "più inclusive". Inoltre, saranno discussi gli ostacoli legali per la migrazione e l'integrazione imposti dall'amministrazione Trump.

"L'obiettivo è quello di ripristinare la fiducia nel nostro sistema legale per l'immigrazione e promuovere l'integrazione degli americani. Il presidente Trump era così concentrato sul muro che non ha fatto nulla per affrontare la causa principale del perché le persone si dirigono verso il nostro confine meridionale", ha affermato un alto funzionario nell'amministrazione del Paese.

"Era una strategia limitata, inutile e ingenua, e ha fallito", ha aggiunto.

In precedenza Biden aveva firmato un atto che revoca le restrizioni all'ingresso nel Paese per i cittadini provenienti da paesi con una popolazione prevalentemente musulmana e africana.

Strategia di Trump contro l'immigrazione clandestina

Una delle disposizioni di Trump è la politica di "tolleranza zero" introdotta nell'aprile 2018 che prevede il perseguimento penale di chiunque avesse attraversato illegalmente il confine statunitense. Le autorità americane fermavano immediatamente le famiglie con bambini che attraversavano illegalmente il confine, dopo di che i genitori venivano messi in carcere, e i bambini in strutture di custodia speciali, poiché i bambini non sono soggetti a responsabilità penale. Tra maggio e inizio giugno 2018, più di 2mila bambini sono stati fermati in tal modo. La questione della separazione dei minori dalle loro famiglie si è trasformata in una crisi su vasta scala.

Migranti al confine tra USA e Messico - Sputnik Italia, 1920, 21.08.2019
Immigrazione, pugno di ferro di Trump: via limite detenzione per famiglie migranti
Trump in seguito ha firmato un decreto che pone fine alla pratica della separazione familiare degli immigrati illegali. Il decreto specificava inoltre che le forze dell'ordine "non devono fermare l'intera famiglia se si teme che il fermo del bambino insieme al genitore metta a rischio il minore".

Come riferito dall'agenzia AP, mentre la politica "tolleranza zero" era in vigore più di 5.500 bambini sono stati separati dai genitori al confine tra Stati Uniti e Messico.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала