Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Croazia, bloccati al confine con la Bosnia eurodeputati PD incaricati di visitare i campi profughi

© Sputnik . Kostis Ntantamis / Vai alla galleria fotograficaIl campo profughi "Moria" di Lesbo distrutto
Il campo profughi Moria di Lesbo distrutto - Sputnik Italia
Seguici su
Il segretario Zingaretti giudica la cosa "gravissima" e invita governo e UE a intervenire.

Bloccata in Croazia, prima del confine con la Bosnia, una delegazione di eurodeputati PD incaricati di visitare i campi profughi nei due Paesi. La missione era programmata per i giorni che vanno dal 29 gennaio al 1° febbraio.

"Siamo a poche centinaia di metri dal confine con la Bosnia, ma la polizia ci sta impedendo di proseguire con un posto di blocco improvvisato. Con i colleghi stiamo cercando di risolvere. Poter ispezionare è un nostro diritto e dovere. Vogliamo arrivare al confine", ha scritto su Twitter Brando Benifei.

Denunce arrivate anche da Piero Bartolo. 

"Fermati dalla polizia croata ben prima del confine con la Bosnia. Ispezionare il confine è un nostro diritto, è un nostro dovere", ha scritto sullo stesso social media, dove ha aggiunto in un altro post: "I confini d'Europa lungo la rotta balcanica sono ben oltre questo nastro, eppure la polizia croata non ci permette di andare avanti. Non consente, cioè, a quattro eurodeputati, nell'esercizio delle loro funzioni, di vedere coi propri occhi i confini d’Europa".

Parole di forte condanna affidate sempre a Twitter dal segretario del partito, Nicola Zingaretti, che ha invitato governo e UE a intervenire.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала