Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Italia revoca licenze per export di bombe e missili verso Arabia Saudita ed Emirati Arabi

© AFP 2021 / Ahmad Al-BashaUn bambino osserva le macerie di un palazzo sventrato dalle bombe a Taez nello Yemen
Un bambino osserva le macerie di un palazzo sventrato dalle bombe a Taez nello Yemen - Sputnik Italia
Seguici su
La decisione del Governo revoca le licenze concesse dall'esecutivo guidato dal premier Renzi per oltre 12mila bombe della Rwm Italia che la coalizione a guida saudita utilizzava nel conflitto in Yemen contro i ribelli sciiti Houthi.

L'Italia blocca in modo definitivo e permanente le consegne ad Arabia Saudita ed Emirati Arabi di armi, in particolare razzi e bombe, che venivano usate nel conflitto violento e sanguinoso dello Yemen tra le forze governative, appoggiate proprio da una coalizione a guida saudita, ed i ribelli sciiti Houthi, sostenuti a loro volta da Teheran.

Il Governo Pd-M5s guidato dal premier dimissionario Conte ha deciso di revocare, non solo sospendere, le licenze in corso per l’esportazione di missili e bombe d’aereo verso Arabia Saudita ed Emirati Arabi. In aggiunta resta valida la sospensione della concessione di nuove licenze per le stesse armi ai suddetti Paesi.

Le licenze erano state rilasciate dopo l'inizio del conflitto. In particolare l'allora premier Renzi aveva concesso l'autorizzazione all'azienda Rwm Italia per esportare verso l’Arabia Saudita quasi 20mila bombe d’aereo del tipo Mk, per un contratto dal valore superiore ai 400 milioni di euro.

La decisione, è stata accolta con grande soddisfazione dalle organizzazioni pacifiste e dagli attivisti per i diritti umani. Così si è espresso Francesco Vignarca, coordinatore della Rete Pace Disarmo, citato da La Repubblica:

"Questa decisione dimostra che quando la società civile e le istituzioni si impegnano assieme, è possibile fermare i flussi di armi dove ci sono conflitti e vengono calpestati i diritti umani".

La decisione italiana segue a ruota quella della nuova amministrazione americana guidata dal presidente democratico Joe Biden, che ha sospeso le forniture militari ad Arabia Saudita ed Emirati Arabi. 

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha confermato la notizia in un post su Facebook.

Guerra in Yemen

La coalizione araba, guidata dall'Arabia Saudita, è entrata nel conflitto civile yemenita a fianco del governo di quest'ultimo nel 2015 dopo che i ribelli sciiti Houthi hanno ottenuto notevoli vittorie durante gli scontri nella fase iniziale.

Secondo diverse fonti, nel sanguinoso conflitto sarebbero oltre 230mila i morti, in gran parte tra civili, così come 22 milioni di persone convivono con una catastrofe umanitaria.

Lo scorso autunno gli Houthi hanno intensificato i loro attacchi contro il territorio dell'Arabia Saudita utilizzando droni carichi di esplosivo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала