Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Vaccini Covid-19, Avvocatura dello Stato invia la diffida a Pfizer per i ritardi sulle consegne

© REUTERS / Andreas GebertVaccino Pfizer-BioNTech
Vaccino Pfizer-BioNTech - Sputnik Italia
Seguici su
L'Avvocatura dello Stato italiana ha inviato a Pfizer la prima diffida per i ritardi nelle consegne dei vaccini Covid-19.

L'Italia ha compiuto il primo passo verso un'azione legale contro Pfizer per il ritardo nella consegna dei vaccini anti-Covid.

L'Avvocatura generale dello Stato ha recapitato una diffida all'azienda farmaceutica statunitense, al fine di spingere l'azienda "ad adempiere ai propri obblighi contrattuali relativi, anzitutto, alla mancata consegna di dosi destinate alla campagna di vaccinazione della popolazione italiana".

L'Avvocatura ha inoltre reso noto che nelle prossime ore il Commissario straordinario all'emergenza Domenico Arcuri prenderà in considerazione le "ulteriori azioni da intraprendere, in sede nazionale ed europea, a tutela della regolare prosecuzione della campagna di vaccinazione e, più in generale, della salute dei cittadini".

Nei giorni scorsi lo stesso Arcuri aveva riferito che, in ragione dei ritardi di consegna di Pfizer, l’Italia è passata da una media di 80 mila persone vaccinate al giorno, con una punta di 92 mila, a una di sole 28mila al giorno.

GB dà fiducia a Pfizer e AstraZeneca

Il ministro britannico per la distribuzione dei vaccini Nadhim Zahawi, a dispetto dei ritardi che hanno caratterizzato le ultime due settimane, si è detto convinto che sia AstraZeneca che Pfizer consegneranno le dosi previste di vaccino anti-Covid al Regno Unito e all'Unione europea.

"Ho fiducia nel fatto che [AstraZeneca e Pfizer, ndr] consegnino entrambi le quantità necessarie per raggiungere il nostro obiettivo di metà febbraio e ovviamente anche oltre", ha riferito Zahawi intervenendo ai microfoni di Sky News.

Le dichiarazioni del ministro arrivano in seguito all'annuncio da parte del Commissario europeo alla Salute, Stella Kyriakides, dell'intenzione da parte dell'Ue di richiedere alle aziende farmaceutiche sviluppatrici di vaccini anti-Covid di avviare il processo produttivo sul territorio europeo e di imporre l'obbligo di fornire a Bruxelles informazioni esaustive in merito alle esportazioni in Paesi terzi.

I ritardi di AstraZeneca e Pfizer

In precedenza, la compagnia anglo-svedese AstraZeneca aveva annunciato dei ritardi piuttosto consistenti nella consegna dei vaccini anti-Covid-19 all'Unione europea.

Stella Kyriakides, venuta a conoscenza delle problematiche, ha quindi fatto ufficialmente richiesta ad AstraZeneca di consegnare tutte le 400.000 dosi già pagate del suo vaccino, sviluppato in sinergia con la Oxford University.

Oltre ad AstraZeneca, anche l'altro maggior produttore di vaccini in Occidente, Pfizer, ha reso noto che i suoi preparati sarebbero stati consegnati con tre-quattro settimane di ritardo per dei problemi relativi ai processi produttivi.

In questo caso, la giustificazione data è stata quella della necessità di potenziare le strutture di produzione in Belgio.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала