Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, ecco il tessuto hi-tech che neutralizza il virus in due ore

Seguici su
Un'impresa italiana ha brevettato un tessuto che attraverso una speciale tecnologia riesce ad eliminare quasi del tutto la carica batterica e virale nel giro di due ore.

Si chiama “The Breath” il tessuto intelligente che in meno di due ore neutralizza anche la carica virale dei coronavirus.

L’idea è venuta ad un’impresa milanese, la Anemotech, che dopo tre anni di ricerche in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche ha brevettato lo speciale tessuto in grado di assorbire l’inquinamento e disaggregare polveri sottili e molecole nocive, trasformandole in aria pulita.

Si tratta, spiega l’azienda, della “prima tecnologia brevettata per la purificazione dell’aria che lavora ad emissioni zero, senza essere attivata da fonti energetiche”.

In più, spiegano gli ideatori, utilizzato “in un’area circoscritta abbatte in modo sistematico la carica batterica dell’aria a contatto con la fibra”.

Il meccanismo, come si legge su Askanews, si attiva grazie alla membrana in poliestere formata da due strati di tessuto e arricchita con delle nano molecole attive che consentono di neutralizzare batteri e virus.

Oltre ad attirare le impurità e restituire aria pulita, contrastando gli effetti nocivi dell’inquinamento, quindi, questo tessuto hi-tech grazie agli ultimi correttivi applicati dalla casa produttrice, consente di abbattere del 98,75 per cento la carica virale di virus come il Covid in un paio d’ore.

Una capacità che lo rende adatto ad essere usato su autobus, metropolitane, uffici pubblici, ospedali, ambulanze e luoghi affollati in generale. Come riferisce la stessa agenzia di stampa, il tessuto anti-batterico è già stato impiegato in alcune città italiane e straniere, come Milano, Roma, Londra, Parigi, Madrid e Seul, oltre che da grandi aziende, come Pirelli, Terna ed Enel, per arredare gli spazi e sanificarli al contempo.

E c’è da scommettere che in futuro i clienti a caccia di prodotti di questo tipo saranno sempre di più.

I tessuti anti-virali, infatti, sono destinati a conoscere una vera e propria esplosione. La pandemia ha cambiato il nostro modo di pensare e in futuro ci sarà sempre maggiore attenzione verso prodotti che garantiscono elevati standard per la salute.

A metterlo nero su bianco sono i dati di Global Market Insight, che stimano in 20 miliardi e mezzo di euro il valore del mercato dei tessuti hi-tech entro il 2026.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала