Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Antifa celebra insediamento Biden infrangendo vetrate del quartier generale democratico a Portland

Seguici su
Portland è diventata teatro di frequenti proteste di Antifa e Black Lives Matter dopo la morte di George Floyd. Le manifestazioni diventano spesso violente e sfociano in scontri con la polizia. L'ex presidente Donald Trump ha aspramente criticato entrambi i movimenti per la loro aggressività.

Mentre migliaia di persone si sono radunate a Washington per partecipare all'insediamento di Joe Biden, i manifestanti Antifa hanno attaccato la sede del Partito Democratico a Portland e hanno organizzato manifestazioni in altre città degli Stati Uniti.

La polizia ha detto che un gruppo di circa 200 manifestanti ha sfondato finestre e deturpato il quartier generale con simboli e slogan anarchici. Uno degli slogan diceva: "F**k Biden".

A Portland i manifestanti Antifa hanno marciato anche per la città con striscioni, uno di loro diceva: "Non vogliamo Biden, vogliamo vendetta! Per omicidi della polizia, guerre imperialiste e massacri fascisti".

Secondo la polizia locale, erano uno degli almeno quattro gruppi che progettavano di organizzare proteste a Portland. Gli ufficiali hanno cercato di prendere i pali su cui erano apposti su striscioni che credevano potessero essere usati come armi, ma hanno fallito quando i manifestanti hanno iniziato a lanciargli oggetti. Le forze dell'ordine hanno dovuto usare granate fumogene per sfuggire ai manifestanti.

Si sono svolte manifestazioni in altre parti degli Stati Uniti. A Columbus, Denver, Sacramento e Seattle i manifestanti hanno deturpato edifici con slogan anti-polizia e bruciato bandiere degli Stati Uniti.

A Denver due manifestanti sono stati arrestati per possesso d'armi durante il rogo di una bandiera americana, hanno riferito i media locali. I manifestanti hanno anche intonato slogan di scherno contro repubblicani e democratici.

A Sacramento i manifestanti, alcuni dei quali brandendo scudi e mazze, hanno marciato per la città cantando slogan contro la polizia doganale e migratoria.

"No prigioni, no muri, no USA", gridavano i manifestanti citati dal Daily Mail.

L'ex presidente Donald Trump voleva bollare il movimento Antifa come gruppo terroristico. Prima di lasciare l'incarico, il repubblicano ha emesso un ordine esecutivo che richiedeva al segretario di Stato Pompeo di "valutare le azioni degli attivisti antifa" e "impedire ai suoi membri di entrare negli Stati Uniti". Trump ha incolpato Antifa per le violente proteste seguite alla morte di George Floyd, un afroamericano, morto durante il suo arresto il 25 maggio 2020.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала