Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Terni, fermato sospetto terrorista islamico

Seguici su
In seguito ad alcuni accertamenti dell'ufficio immigrazione della questura di Terni, un 35enne afghano è stato fermato ed espulso. L'uomo risultava infatti ricercato dalle autorità francesi e nel 2016 era stato fermato come "soggetto attenzionato" per associazione con finalità di terrorismo islamico.

La vicenda è avvenuta a Terni dove un uomo di 35 anni originario dell'Afghanistan è stato fermato per sospetto terrorismo islamico.

Tutto è iniziato quando gli operatori dello sportello dell’ufficio immigrazione della questura hanno trovato sospetta la richiesta del ritiro da parte dell'uomo del proprio permesso di soggiorno, permesso che aveva richiesto 5 anni prima.

All'epoca dei fatti, 2016, il cittadino afghano aveva fatto richiesta per il permesso di soggiorno per motivi umanitari ma si era poi reso irreperibile rendendo impossibile notificargli il rigetto della domanda, motivato dal mancato possesso dei requisiti previsti per il rilascio del titolo.

Primo fermo nel 2016 a Catania

Gli accertamenti dei colleghi della 3° sezione dell'ufficio hanno portato alla luce il fatto che l'uomo risultava un "soggetto attenzionato" per il delitto di associazione con finalità di terrorismo islamico. Nel febbraio 2016, in occasione dei festeggiamenti in onore della santa patrona di Catania, il 35enne era stato notato aggirarsi nei pressi dell’arcivescovado di Catania con fare sospetto.

Dopo un controllo da parte della Digos della questura catanese, nell'appartamento dell'uomo era stato rinvenuto un trolley con all’interno circa 5.600 schede telefoniche della compagnia telefonica "3", di matrice inglese e di altre 67 schede telefoniche della compagnia "Lycamobile" anch’esse di matrice inglese.

Dai riscontri fotodattiloscopici è emerso anche che l'uomo aveva presentato durante i controlli di polizia in territorio europeo diversi alias con date di nascita differenti. Dal settembre 2016 grava su di lui un rintraccio da parte delle autorità francesi come persona pericolosa con comportamento violento e possibile uso di armi.

Trasferimento a Milano per il rimpatrio

Il cittadino afghano è stato espulso dall'Italia dal prefetto di Terni, con relativo ordine di trattenimento coatto emesso dal questore. Quest'ultimo è stato accompagnato al centro di permanenza e rimpatrio - Corelli di Milano, per essere successivamente trasferito in Afghanistan.

In precedenza una 35enne tunisina è stata arrestata a Latina per propaganda jihadista dopo un'indagine della Digos e del Servizio per il contrasto all'estremismo e al terrorismo esterno della Dcpp/Ucigos coordinata dalla Procura di Roma.

* Isis e Al Qaeda sono i gruppi terroristici vietati in Russia e molti altri paesi

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала