Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Iran, Rouhani invita Biden a ritornare all'accordo sul nucleare

© AP Photo / Office of the Iranian PresidencyIl presidente iraniano Hassan Rouhani
Il presidente iraniano Hassan Rouhani  - Sputnik Italia
Seguici su
L'apertura del leader iraniano arriva nel giorno in cui Joe Biden si appresta a diventare il 46° presidente degli Stati Uniti.

Nel giorno dell'inaugurazione di Joe Biden come 46esimo presidente degli Stati Uniti, il capo di stato iraniano Hassan Rouhani ha auspicato che con l'arrivo alla Casa Bianca del democratico possa avvenire un ritorno all'accordo sul nucleare del 2015.

"L'era di un tiranno è giunta al termine e oggi è l'ultimo giorno del suo ignobile regno. Qualcuno per colpa del quale in questi anni non sono maturati altri frutti che l'ingiustizia e la corruzione, e che ha causato problemi per il suo stesso popolo e per tutto il mondo", ha riferito.

Il presidente iraniano ha quindi manifestato l'intenzione di Teheran di ritornare ad adempiere agli obblighi imposti dagli accordi di Vienna qualora Washington decida di fare lo stesso.

"La palla è in mano agli USA ora. Se Washington ritorna agli accordi sul nucleare del 2015, rispetteremo anche noi tutti gli impegni presi con questo trattato", ha concluso Rouhani.

Antony Blinken, il principale indiziato a ricoprire il ruolo di prossimo capo di stato degli USA, ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti a loro volta a ritornare agli obblighi previsti dagli accordi del 2015 in caso di reciprocità da parte iraniana

Nella giornata di ieri il portavoce del governo iraniano, Ali Rabiee, ha riferito che per il momento la Repubblica Islamica non ha ricevuto segnali da parte della nuova amministrazione americana per la riapertura delle trattative.

Accordo sul nucleare iraniano del 2015 (PACG)

Il PACG (Piano d'azione congiunto globale) è stato firmato nel 2015 da Iran, Cina, Francia, Germania, Russia, Regno Unito, Stati Uniti, insieme all'Unione Europea.

L'Iran avrebbe dovuto ridimensionare il suo programma nucleare e ridurre drasticamente le proprie riserve di uranio in cambio dell’annullamento delle sanzioni.

Tuttavia, nel 2018 il presidente americano Donald Trump ha annunciato il ritiro unilaterale dall'accordo, avviando la strategia di nuove, rigide, sanzioni nei confronti dell’Iran.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала