Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Norvegia, autorità confermano nessun collegamento tra 23 morti e vaccino Covid-19

© Sputnik . Pavel BednyakovIniezione del vaccino anti-Covid ad un uomo anziano
Iniezione del vaccino anti-Covid  ad un uomo anziano - Sputnik Italia
Seguici su
Nei giorni scorsi sono stati registrati alcuni decessi avvenuti dopo la somministrazione del vaccino di Pfizer/Biontech. Le autorità norvegesi si sono occupate dei casi per stabilire un legame tra la somministrazione delle dosi e il decesso.

Non esiste alcuna evidenza di un collegamento diretto tra i decessi e vaccino. E' questo l'esito degli accertamenti effettuati dalle autorità norvegesi che da giorni hanno avviato un'indagine sulla morte di 23 persone avvenuta dopo la somministrazione del vaccino Pfizer/Biontech. Lo  ha reso noto la Norwegian Medicines Agency, secondo quanto riporta Bloomberg. 

L'agenzia del farmaco norvegese ha preso in esame ogni singolo caso sospetto dopo la morte di alcuni over 75 che avevano ricevuto la prima dose di vaccino. L'autorità ha fatto sapere che si tratta di soggetti fragili, di età superiore a 80 anni e qualche ultra-novantenne con patologie pregresse. 

L'ipotesi iniziale era quella di una grave reazione allergica che ha portato alla morte. Sono stati segnalati un totale di 29 effetti collaterali, ma con una percentuale allarmante di morti.

"Di questi, ci sono 13 decessi, nove effetti collaterali gravi e sette effetti collaterali meno gravi", ha detto all'emittente nazionale NRK il direttore medico dell'Agenzia norvegese per i medicinali Steinar Madsen.

Una siringa con il vaccino anti-Covid  - Sputnik Italia
Norvegia: vaccini contro il COVID-19 possono avere "gravi conseguenze" su persone anziane e fragili
In seguito a questi episodi l'agenzia norvegese ha consigliato di considerare attentamente chi dovrebbe essere vaccinato, suggerendo che soggetti fragili e pazienti in fine vita possono possono essere vaccinati dopo una valutazione individuale.

La vaccinazione contro il coronavirus con il preparato Pfizer è iniziata in Norvegia il 27 dicembre, con i residenti delle case di cura di Oslo che per primi hanno ricevuto i vaccini. Al momento sono state vaccinate più di 25mila persone. Come rilevato dalla compagnia televisiva nazionale NRK con riferimento all'agenzia, tutti i decessi sono stati registrati tra anziani di età superiore agli 80 anni con problemi di salute.

Decessi o reazioni avverse dopo la somministrazione del vaccino Pfizer si sono registrati anche in altri Paesi, come SvizzeraFranciaPortogalloMessico e Stati Uniti.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала