Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il grido di dolore dei locali: "metà delle discoteche dopo il covid diventeranno centri commerciali"

CC0 / / Persone che fanno festa sotto la luce della discoteca
Persone che fanno festa sotto la luce della discoteca - Sputnik Italia
Seguici su
In un comunicato stampa il presidente di SILB-Fipe fa il punto sulla questione delle discoteche. Il settore di fatto è chiuso da un anno per evitare gli assembramenti, i quali però si registrano con feste e balli in tutto il Paese.

Le discoteche rimangono chiuse da quasi un anno, tranne la piccola parentesi della scorsa estate. Tuttavia nonostante questi locali siano chiusi per impedire assembramenti, numerosi giovani creano assembramenti con balli e feste in diverse zone d'Italia. 

Maurizio Pasca, Presidente dell'Associazione Italiana Imprese di Intrattenimento di Ballo e di Spettacolo, denuncia la situazione che si è venuta a creare:

"Assembramenti, risse, balli e feste si svolgono nella più totale illegalità o in una torbida zona franca e in ogni caso in realtà che non hanno o non utilizzano la licenza da ballo" afferma Pasca.

Proliferazione di festini illegali, ma le discoteche sono una cosa seria

"Purtroppo si sta verificando quello che avevamo previsto da subito. Ovvero il proliferare di raduni che sfuggono ad ogni forma di legalità. Capiamo la disperazione dei titolari di tanti locali che non sono discoteche, ma la nostra linea è quella del rispetto rigoroso delle regole, perché siamo imprenditori e come tali ci comportiamo. Le discoteche sono una cosa seria" prosegue Pasca.

Aiuti concreti alle discoteche, alto rischio di chiusure

Presidente di SILB-Fipe Maurizio Pasca
Il grido di dolore dei locali: metà delle discoteche dopo il covid diventeranno centri commerciali - Sputnik Italia
Presidente di SILB-Fipe Maurizio Pasca
La richiesta alle Istituzioni è quella di dare aiuti concreti al settore nelle modalità proposte, aiuti che in parte sono stati recepiti dai Ministeri e dalle Regioni.

"Con entrambi il nostro dialogo è costante e il confronto non è mai venuto meno. Ai media di non banalizzare sempre e comunque certi argomenti, è davvero anacronistico parlare di movida e associarla alle discoteche che - ribadisco - sono di fatto chiuse da fine febbraio. Che rischi corriamo? Di questo passo almeno metà delle discoteche spariranno dalla circolazione, nella migliore delle ipotesi diventeranno parcheggi, mobilifici, show-room, centri commerciali. Nella peggiore delle ipotesi diventeranno facile preda della malavita" ha concluso Pasca.

A novembre un albergo di Napoli è stato trasformato in discoteca, dove giovani tra i 19 e i 34 anni si sono abusivamente riuniti per festeggiare. 18 ragazzi sono stati denunciati dalla polizia.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала