Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

USA, FBI indaga su potenziali finanziatori esteri dell'assalto al Campidoglio

The FBI’s increased focus on surveilling the Internet has officials worried they've created a bureau of couch potatoes, so for the first time in 16 years, they're bringing back the fitness test, the New York Times reports.
The FBI’s increased focus on surveilling the Internet has officials worried they've created a bureau of couch potatoes, so for the first time in 16 years, they're bringing back the fitness test, the New York Times reports. - Sputnik Italia
Seguici su
Lo scorso 6 gennaio delle violente proteste hanno avuto luogo a Washington, proprio nel giorno della certificazione da parte del Congresso del voto del Collegio elettorale riguardante l'elezione di Joe Biden a presidente degli Stati Uniti.

Il Federal Bureau of Investigation ha aperto un fascicolo d'inchiesta per accertare l'eventuale finanziamento da parte di governo, organizzazioni o soggetti stranieri.

Lo riferisce l'emittente NBC, citando come fonti delle personalità vicine alla stessa FBI.

A dare il là al nuovo filone delle indagini è stata la scoperta di un finanziamento da circa 500.000 dollari in Bitcoin da parte di un programmatore francese, dopo il quale lo stesso si è suicidato.

Il denaro in questione, secondo quanto appurato sinora, apparterrebbe "a degli attivisiti di estrema destra e a delle personalità del web", tra cui anche Nick Fuentes, un noto realizzatore di podcast.

L'assalto al Campidoglio e le tensioni negli Stati Uniti

Cinque persone sono morte durante l'assalto al Campidoglio degli Stati Uniti il 6 gennaio. I disordini sono scoppiati dopo che il presidente Donald Trump aveva tenuto un discorso nella capitale.

Le tensioni rimangono alte a Washington, poiché il portale di notizie Politico ha riferito giovedì che una prova per la cerimonia di inaugurazione del nuovo Presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden è stata rinviata di un giorno a causa di problemi di sicurezza.

Si stima che circa 20.000 soldati della Guardia Nazionale saranno schierati per garantire la sicurezza a Washington durante l'inaugurazione di Biden, che dovrà avvenire il 20 gennaio.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала