Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Seconde case, dal Dpcm ok agli spostamenti anche se si trovano fuori regione

© Sputnik . Evgeny UtkinLe bellezze dell'Italia
Le bellezze dell'Italia - Sputnik Italia
Seguici su
Da Palazzo Chigi chiariscono che dal 16 gennaio ci si potrà spostare nelle seconde case, anche se si trovano in una regione diversa.

“È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione”.

Nel testo dell’ultimo Dpcm, firmato venerdì dal premier Giuseppe Conte, è sparito il riferimento al divieto di spostarsi nelle seconde case fuori regione.

Non viene specificato, però, se trasferirsi nelle case di vacanza sia permesso o meno. Per questo nelle ultime ore si era alimentato un vero e proprio giallo.

Il Corriere della Sera, in un articolo firmato da Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini, ha parlato di "apertura" rispetto al provvedimento emanato durante le festività natalizie. Nella definizione di “abitazione”, secondo il quotidiano, che cita fonti della presidenza del Consiglio, è compresa anche quella di “seconda dimora, anche in affitto”.

Non ci sarebbero restrizioni neppure nel caso in cui la seconda casa si trovi in una regione arancione o rossa. “Unico limite – specifica il Corriere - riguarda il fatto che potrà spostarsi soltanto il nucleo familiare".

Insomma, secondo le prime indiscrezioni sembra si vada verso un via libera agli spostamenti nelle seconde case.

Ma la versione del Corriere, secondo l’Ansa, sarebbe stata smentita dagli operatori del 1500, il numero utile attivato lo scorso 27 gennaio per rispondere 24 ore su 24 alle domande dei cittadini sul Covid.

Gli operatori avrebbero chiarito che il testo del nuovo Dpcm "non consente di raggiungere le seconde case fuori della propria regione se non per emergenze".

Quindi il termine “abitazione” si riferirebbe soltanto alla propria dimora escludendo “le seconde case".

Lo scopo del nuovo Dpcm, infatti, spiegano gli operatori citati dall’Ansa, è quella di introdurre “maggiori restrizioni”. Queste, assicurano, sono le “direttive ricevute dopo la firma del decreto”.  

In serata, però, le stesse fonti di Palazzo Chigi hanno fatto chiarezza, sottolineando come nel testo del nuovo Dpcm non venga specificato il divieto presente nel provvedimento precedente e, di conseguenza, raggiungere la propria dimora, anche se si trova in un'altra regione, da domani sarà consentito. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала