Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Per Nancy Pelosi rischio di un attacco nucleare d'addio di Trump

© AP Photo / Jens MeyerNancy Pelosi
Nancy Pelosi - Sputnik Italia
Seguici su
La presidente della Camera dei Rappresentanti Nancy Pelosi ha sostenuto la necessità di "difendere gli Stati Uniti" dal presidente in carica Donald Trump, si afferma in un comunicato stampa pubblicato sul sito ufficiale dell'organo legislativo.

Nancy Pelosi ha riferito di aver discusso con i vertici militari la limitazione dell'accesso a Trump al "pulsante nucleare".

"Questa mattina ho discusso con il presidente del Joint Chiefs of Staff (Stato maggiore congiunto - ndr), il generale Mark Milley, della possibilità di introdurre precauzioni per dissuadere un presidente instabile dall'andare in guerra o ottenere l'accesso ai codici di lancio per ordinare un attacco nucleare", ha affermato Nancy Pelosi.

Il giorno prima aveva chiesto la destituzione del presidente in carica prima della fine del suo mandato. Secondo la presidente democratica della Camera dei Rappresentanti, Trump ha commesso "azioni sovversive" ed è attualmente "una persona molto pericolosa". Aveva inoltre paventato al presidente in carica l'impeachment in caso di inerzia del vicepresidente Mike Pence, che ha il diritto di dichiarare inadatto l'inquilino della Casa Bianca. Se il vicepresidente e la maggioranza del governo concordano l'inadeguatezza del presidente ad amministrare il Paese, in virtù del 25° emendamento della Costituzione, Pence diventerà presidente ad interim.

Trump a difesa dei suoi elettori

Con un tweet il presidente uscente Donald Trump ha detto che non avrebbe tollerato la mancanza di rispetto per i 75 milioni di "patrioti americani" che lo hanno sostenuto nelle scorse elezioni ed ha assicurato che le loro voci sarebbero state ascoltate.

Ha inoltre fatto sapere che non avrebbe partecipato alla cerimonia di insediamento di Joe Biden il prossimo 20 gennaio.

Assalto al Campidoglio dopo comizio di Trump

Intervenendo ad un comizio a Washington il presidente in carica Donald Trump aveva esortato il vicepresidente Mike Pence a bloccare la certificazione del Congresso della vittoria di Joe Biden. A sua volta Pence ha rifiutato la proposta del presidente, sostenendo di non aver l'autorità per decidere quali voti elettorali dovrebbero essere conteggiati e quali no per la certificazione ufficiale del voto del Collegio Elettorale.

I sostenitori di Trump si sono poi diretti in massa verso il Campidoglio, riuscendo a rompere il cordone di polizia e ad entrare nelle sale del Congresso. Secondo le ultime informazioni, 5 persone sono rimaste uccise durante le proteste, 4 manifestanti, tra cui una veterana dell'aviazione militare americana, e un poliziotto.

Congresso conferma vittoria di Biden alle presidenziali

Nonostante i disordini e l'interruzione dei lavori del Congresso per diverse ore, entrambe le camere dell'organo legislativo statunitense, conformemente alla Costituzione, hanno ratificato definitivamente nella sera di giovedì la vittoria alle ultime elezioni di Joe Biden, candidato democratico ed ex vicepresidente durante la presidenza di Obama.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала