Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Bellanova rompe con Conte: siamo al capolinea

© Foto : CC-BY-NC-SA 3.0 IT / Filippo AttiliIl Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e del Turismo, Teresa Bellanova
Il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e del Turismo, Teresa Bellanova - Sputnik Italia
Seguici su
Teresa Bellanova si avverte sempre più come ex ministro dell'Agricoltura del Governo Conte, tanto che considera questa esperienza di governo terminata. Conte presto in Parlamento?

“Il premier dovrebbe prendere atto che questa esperienza è al capolinea e dire se siamo in grado tutti di ripartire. Il tempo per quanto mi riguarda è finito: ora servono risposte”, questo quanto dice Teresa Bellanova di Italia Viva in un messaggio che invia a distanza al presidente del Consiglio Giuseppe Conte attraverso i social network.

Più che le parole del (ex?) ministro dell’Agricoltura Teresa Bellanova, a pesare sono tuttavia le parole di Nicola Zingaretti, il quale ha detto come non si possano tollerare ulteriori rinvii: “Attendiamo sviluppi già nella giornata di oggi e domani”, ribadendo che il Partito Democratico sostiene il governo “con la massima lealtà”.

La situazione è una vera escalation politica iniziata a fine novembre, quando Matteo Renzi ha cominciato a criticare sempre più Giuseppe Conte e il suo operato, riportando quindi le lancette dell’orologio indietro di qualche mese, ovvero a quell’inizio di febbraio 2020 quando già Renzi era ai ferri corti con Conte.

Ma questa volta Conte potrebbe presentarsi in Parlamento e contare i voti a suo favore, così da verificare se vi sia una nuova maggioranza che possa escludere Matteo Renzi o se dovrà invece presentarsi al Colle per rimettere il suo mandato nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Matteo Renzi - Sputnik Italia
Bersani contro Renzi: ‘Non ho aggettivi per qualificare un'operazione del genere’

I pretesti

Vaccini, delega ai servizi segreti e Recovery plan, appaiono per i politici di maggioranza come un pretesto di Renzi per far cadere il governo.

Italia Viva avrebbe disertato il vertice di maggioranza sul Recovery plan organizzato al Mes, per poi affermare di non essere stato invitato. Dal Ministero delle Finanze hanno risposto che tutti erano stati invitati e Italia Viva ha rifiutato l’invito.

L’intervento degli altri politici

In questi giorni alcuni politici di sinistra meno impegnati, ma di peso, sono intervenuti sull’argomento. Tra questi Massimo D’Alema, che ha etichettato Renzi come il politico italiano meno amato dagli italiani che tenta di spodestar il più amato del momento.

Ma anche Pier Luigi Bersani è intervenuto quest’oggi dicendosi sconcertato e senza “aggettivi” per il comportamento di Renzi mentre l’Italia conta i morti per pandemia tutti i giorni e fa feriti di economia.

Dario Franceschini aveva avvertito che si tornerà alle urne e che Renzi non farà parte della compagine di maggioranza, anche perché il ministro della Cultura vorrebbe che il suo Pd si alleasse con il M5S e candidasse comunque Giuseppe Conte come premier.

Andrea Orlando, anche, ha avvertito che in caso di caduta del governo Conte bis si tornerà alle urne perché le altre strade, seppur previste dalla Costituzione, non sono politicamente praticabili.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала