Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Presidente Azerbaigian alza la voce con l'Armenia su visite ufficiali in Karabakh

© Press Service of the Azerbaijani President. / Vai alla galleria fotograficaIl presidente azero Ilham Aliyev
Il presidente azero Ilham Aliyev - Sputnik Italia
Seguici su
Il conflitto congelato tra Azerbaigian e Armenia per la regione contesa del Nagorno-Karabakh è esploso in una guerra aperta tra settembre e novembre 2020. L'Azerbaigian ha ripreso il controllo dei territori persi nella guerra del 1992-1994. I combattimenti sono terminati con la firma di un cessate il fuoco mediato dalla Russia.

Il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev ha espresso irritazione per le visite dei funzionari armeni in Nagorno-Karabakh, avvertendo Yerevan che rischia una risposta militare se le visite continueranno.

“Sono stato informato che il ministro degli Esteri armeno si è recato in visita a Khankendi (Stepanakert). Che sta facendo li? L'Armenia non dovrebbe dimenticare la guerra. Ricordate che il pugno di ferro rimane al suo posto. Queste visite devono finire. Vi avvertiamo che se tali misure provocatorie verranno prese di nuovo, l'Armenia se ne pentirà ancora di più", ha detto Aliyev, parlando in una riunione focalizzata sui principali eventi del 2020.

Secondo il presidente azerbaigiano, tutte le future visite in Nagorno-Karabakh di qualsiasi cittadino straniero devono essere approvate da Baku.

“Il mondo intero riconosce questo territorio come parte integrante dell'Azerbaigian. Nessun cittadino straniero può entrare in questa zona senza il nostro permesso. Nessuna organizzazione internazionale può viaggiare lì ad eccezione della Croce Rossa. Li abbiamo avvertiti prima tramite il ministero degli esteri. Dopo, l'avvertimento arriverà n un altro modo", ha detto Aliyev, senza elaborare.

Il conflitto in Nagorno-Karabakh

Sebbene l'Armenia fornisca sostegno economico e militare al Nagorno-Karabakh, la regione senza sbocco sul mare a maggioranza etnica popolata da armeni è formalmente governata dalla Repubblica dell'Artsakh, una repubblica separatista non riconosciuta fondata come enclave all'interno dell'Azerbaigian.

La regione fu contesa dagli azeri e dagli armeni dopo la caduta dell'Impero russo, ma il conflitto fu congelato dalle autorità sovietiche all'inizio degli anni '20, con Mosca che trasformò il Nagorno-Karabakh in una regione autonoma all'interno della Repubblica Sovietica dell'Azerbaigian. Alla fine degli anni '80, i sentimenti nazionalisti scatenati dalla perestrojka riaccesero le tensioni sopite, con gli armeni del Karabakh che accusavano Baku di discriminazione organizzando un voto per staccarsi dall'Azerbaigian sovietico per unirsi alla Repubblica socialista sovietica armena vera e propria. Baku ha cercato di impedire che ciò accadesse e alla fine del 1991 il suo parlamento ha abolito formalmente lo status di autonomia del Karabakh.

Tra il 1992 e il 1994, l'Azerbaigian e l'Armenia hanno intrapreso una sanguinosa guerra per il controllo della regione, con il conflitto che ha ucciso oltre 40.000 persone e provocato oltre 1,1 milioni di sfollati, sia all'interno della regione separatista che in entrambe le repubbliche. I nuovi scontri nel 2020 ha portato alla morte di migliaia di militari e oltre 160 civili da entrambe le parti.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала