Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mattarella firma il decreto con le misure anti-Сovid di inizio anno

© Foto : Foto di Paolo Giandotti - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della RepubblicaCodogno- Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della visita a Codogno, 2 giugno 2020.
Codogno- Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della visita a Codogno, 2 giugno 2020. - Sputnik Italia
Seguici su
Mattarella firma il decreto con le misure in vigore fino al 15 gennaio. Vi sarà poi da decidere l'estensione dello stato di emergenza che scade il 31 gennaio.

Nella serata di martedì 5 gennaio il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto che introduce le nuove disposizioni in materia di contenimento della diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale.

La misura avrà vigore fino al 15 gennaio prossimo, tuttavia va ora presa in considerazione la possibilità di estendere ulteriormente lo stato di emergenza sanitaria per ora fissato al 31 gennaio.

Lo stato di emergenza sanitaria era stato promulgato il 31 gennaio 2020 non appena l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dichiarò Sars-CoV-2 una emergenza internazionale.

Secondo l’ipotesi al momento più accreditata, lo stato di emergenza sanitaria potrebbe essere esteso fino al 31 luglio 2021, per dare così al governo mano libera per attuare la campagna vaccinale e gestire nel mentre il contenimento del virus che resta ad un livello critico in Italia.

Le nuove misure

Le nuove misure entrate in vigore equiparano tutta Italia fino al 10 gennaio, poi dal giorno 11 torneranno le zone colorate: giallo, arancione, rosso.

L’assegnazione del colore arriverà nei prossimi giorni a seguito del nuovo monitoraggio da parte dell’Istituto superiore di sanità (Iss) a cui è stato affidato il compito della sorveglianza sin dal primo momento.

Il decreto resta in vigore fino al 15 gennaio, ma potenzialmente dopo tale data verranno estese ulteriormente le misure di contenimento.

Ricordiamo, infatti, che la Germania ha prorogato il lockdown fino a fine mese e lo stesso ha fatto l’Austria, mentre il Regno Unito ha avviato una terza fase di chiusure.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала