Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Perché il puma bianco non albino è così raro - Foto

Seguici su
Questo puma non è come gli altri e le sue strane condizioni lo rendono quasi unico nel suo genere. La particolarità è tale che gli ambientalisti lo cercano dal 2013. Cos'è il leucismo e perché è così raro nei puma?

Conosciuto anche come "leone di montagna" e "leone americano", il puma è un felino che vive in un'ampia zona: il suo habitat naturale si estende dal Canada alla Patagonia sudamericana.

In pericolo di estinzione a causa della caccia eccessiva, i puma sono caratterizzati dal loro colore grigio o terroso che termina con un colletto bianco. Tuttavia, eccezionalmente, c'è un puma che è totalmente diverso dagli altri: assolutamente bianco.

Si tratta di un esemplare fotografato nel 2013 nel Parco Nazionale della Serra dos Órgãos nella Foresta Atlantica nel sud-est del Brasile, secondo quanto riportato dalla rivista National Geographic. Questo è il primo caso di un puma di queste caratteristiche e si conosce solo un altro caso documentato; Un altro esemplare la cui fotografia in uno zoo di cui non si conosce la posizione circola su Internet, secondo il direttore esecutivo del programma Big Cats della Wildlife Conservation Society Luke Hunter, spiega alla rivista scientifica.

In effetti, "è possibile che un altro puma bianco non compaia nella mia vita", dice a proposito del felino trovato in Brasile, poiché è una caratteristica "estremamente insolita". Ma cos'è che rende bianco questo puma e perché non ce ne sono altri di questo colore?

Cos'è il leucismo e come si distingue dall'albinismo?

Quasi unico nel suo genere, questo puma è bianco perché ha un'aberrazione genetica chiamata leucismo, molto simile all'albinismo. Mentre l'albinismo conferisce un colore bianco alla pelo o al piumaggio degli animali e altera il colore dei loro occhi verso un colore rosa, il leucismo fa lo stesso ma preservando il colore degli occhi originale di ciascuna specie.

Mentre le aberrazioni genetiche del colore come queste due sono abbastanza comuni nei felini, non esiste praticamente alcun caso registrato tra i puma. Secondo Hunter, ci sono solo due casi di puma albini nel mondo intero.

Un altro esempio è il melanismo, l'eccesso di melanina pigmentata che rende il pelo e l'epidermide neri, una variazione genetica che non è mai stata trovata in nessun puma. Questo perché i geni che causano questi cambiamenti di colore sono molto rari in questa specie, anche se gli scienziati non sanno perché, spiega Hunter. "La mia ipotesi migliore è che il lontano antenato dei puma avesse un colore uniforme, e da allora è rimasto nella specie", propone.

Inoltre, non è chiaro cosa significhi per l'animale avere un colore o un altro e se questa è una cosa positiva o negativa nell'habitat della giungla in cui è stato avvistato. Anche così, in campo scientifico si teorizza che i felini con il pelo scuro tendano ad avere maggiori vantaggi quando si tratta di mimetizzarsi per cacciare.

Tuttavia, Hunter sostiene che questa teoria si applica solo a determinati luoghi. Nel caso della giungla, il puma bianco può nascondersi tra la fitta vegetazione, quindi il colore del manto è irrilevante. Se fosse una pianura aperta, con più luce in gioco, potrebbe essere uno svantaggio, poiché la preda la vedrebbe più facilmente a causa del suo colore vivido, suggerisce.

Dopo essere stato fotografato, il puma leucistico è stato perso di vista e, sebbene diversi ricercatori si siano proposti di cercarlo per analizzarne i geni, non sono riusciti a ritrovarlo, ha detto a National Geographic Cecília Cronemberger, analista ambientale del Parco Nazionale della Serra dos Órgãos.

Da allora c'è stato un monitoraggio dell'area attraverso trappole fotografiche per cercare di individuarlo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала