Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Guardia Nazionale chiamata per manifestazione di supporto a Trump a Washington

Seguici su
La scorsa settimana, il presidente degli Stati Uniti in carica Donald Trump ha annunciato una manifestazione di protesta "Stop the Steal" a Washington il 6 gennaio, che coincide con il voto del Congresso che dovrebbe certificare i risultati del Collegio elettorale.

Il sindaco di Washington DC Muriel Bowser ha chiamato la Guardia Nazionale prima della manifestazione di mercoledì dei sostenitori del presidente Donald Trump a Washington. Il raduno "Stop the Steal" si terrà lo stesso giorno in cui il Congresso degli Stati Uniti dovrebbe affermare la vittoria elettorale di Joe Biden, che Trump sostiene sia dovuta a una serie di brogli elettorali.

Nel tentativo di rafforzare il dipartimento di polizia metropolitano e prevenire possibili violenze, Bowser ha esortato i residenti locali a stare lontano dal centro della capitale degli Stati Uniti ed evitare conflitti con chiunque "cerchi lo scontro".

Bowser, tuttavia, ha anche sottolineato che "non permetteremo alle persone di incitare alla violenza, intimidire i nostri residenti o provocare distruzioni nella nostra città".

Secondo AP, citando un anonimo funzionario della difesa statunitense, Bowser ha presentato una richiesta alla vigilia di Capodanno per avere la Guardia Nazionale schierata da martedì a giovedì.

La fonte ha anche affermato che saranno chiamati circa 340 membri della Guardia Nazionale, di cui circa 115 in servizio nelle strade "in un dato momento". Le truppe non saranno armate, saranno utilizzate per il controllo del traffico e la gestione degli assembramenti, ha detto il funzionario.

Si dice che gli organizzatori della manifestazione di protesta abbiano in programma di riunirsi martedì sera al Freedom Plaza e mercoledì all'Ellipse, con l'intenzione di marciare verso il Campidoglio. Tra i partecipanti attesi ci sono sostenitori di Trump di alto profilo come il Texas AG Ken Paxton e l'ex consigliere della campagna di Trump Roger Stone, che è stato graziato dal presidente il mese scorso.

La scorsa settimana, Trump ha pubblicato un tweet in cui avvisava della manifestazione "Stop the Steal" a Washington alle 11 del 6 gennaio, poche settimane dopo aver annunciato l'evento ed esortato i suoi sostenitori a essere lì.

​Annunciando la manifestazione, Trump ha anche promesso che il 6 gennaio saranno presentate "enormi quantità di prove", ribadendo le sue affermazioni di "aver vinto alla GRANDE!" nelle scorse presidenziali.

Le elezioni presidenziali USA

Il presidente USA, insieme a un certo numero di alleati repubblicani, ha contestato l'esito delle elezioni, rivendicando "una massiccia frode elettorale" definendo Joe Biden, che ha ottenuto la maggioranza dei voti del Collegio elettorale e popolare, "un falso presidente".

Il 14 dicembre 2020, il Collegio elettorale ha espresso a beneficio di Joe Biden 306 voti, mentre Donald Trump ne ha ricevuti 232. Il presidente in carica, tuttavia, ha costantemente rifiutato di riconoscere la vittoria del rivale democratico, continuando a dichiarare che le elezioni sono state "truccate".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала