Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, superati 85 milioni di casi nel mondo, oltre 20 milioni negli USA. Oms: "2021 anno difficile"

© AP Photo / John MinchilloAmbulanze negli USA
Ambulanze negli USA - Sputnik Italia
Seguici su
La pandemia di Covid-19 continua a diffondersi nei Paesi di tutto il mondo. Un funzionario dell'Oms ha dichiarato che nonostante i vaccini i primi tre mesi dell'anno saranno duri e per il ritorno alla normalità bisognerà attendere il prossimo autunno.

Il numero di casi di coronavirus nel mondo ha superato oggi la soglia di 85 milioni di positivi. Il bilancio globale è di 85.122.080 casi di positività e 1.843.135 decessi dovuti al Covid-19 dall'inizio della pandemia. Il numero dei guariti è di quasi 48 milioni, secondo i dati della John Hopkins University. 

La situazione negli USA

Gli Stati Uniti sono il Paese con il maggior numero in valore assoluto di infezioni e decessi. Questa domenica sono stati segnalati 210.479 nuovi casi di Covid-19 e 1.394 decessi in un giorno, per un totale di  20.636.663 di casi e almeno 351.580 vittime dovute al Covid-19.

Nonostante la massiccia campagna di vaccinazione, con almeno 13.071.925 dosi almeno 4.225.756 persone vaccinate con la prima dose dei vaccini approvati dalla Food and Drugs Administration (FDA), gli Stati Uniti stanno correndo per tenere il passo con i picchi di ricoveri, che da oltre un mese si mantengono ad un livello superiore a 100.000, secondo quanto riferisce il Covid Tracking Project della Cnn. 

Coronavirus negli USA - Sputnik Italia
Covid-19 negli Usa, record di contagi: quasi 300 mila in un giorno. Trump: "Numeri esagerati"
Il timore è che l'allentamento delle vacanze di Natale possa provocare un peggioramento della situazione, già critica in alcuni Stati, come la California. Nelle maggiori città californiane, come Los Angeles, gli obitori sono al collasso e scarseggia persono il legno per le bare, secondo quanto riferito da alcuni impresari funebri alla stampa statunitense.

L'avvertimento dell'Oms

L'organizzazione mondiale per la Sanità non sembra intravedere una svolta imminente per l'inizio del 2021, che sarà un "anno difficile". 

Queste sono le parole utilizzate da Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell'OMS per la risposta al coronavirus, intervistata dalla Cnn. 

"Siamo in un inizio un po 'difficile per il 2021", ha detto Van Kerkhove, osservando che "il movimento e il comportamento delle persone" durante Natale e Capodanno "renderanno i primi tre mesi del 2021 piuttosto difficili in termini di maggiore trasmissione, ricoveri e decessi".

L'effetto delle campagne di vaccinazione non sarà immediato e per vedere i primi risultati bisognerà attendere diversi mesi. 

"Penso che sarà frustrante e lento da implementare, più lento di quanto chiunque vorrebbe", ha detto. "I primi sei mesi dell'anno saranno dolorosi per le persone perché vogliono solo che sia fatto e abbiamo davvero bisogno che le persone abbiano la pazienza di superarlo."

La funzionaria ha dichiarato che il ritorno alla normalità si inizierà a intravedere tra la prossima estate e l'autunno.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала