Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La Gran Bretagna si punisce con la Brexit - Ministro francese

© Sputnik . Alexey Filippov / Vai alla galleria fotograficaIl Palazzo di Westminster a Londra, dove si riunisce il Parlamento del Regno Unito
Il Palazzo di Westminster a Londra, dove si riunisce il Parlamento del Regno Unito - Sputnik Italia
Seguici su
Mercoledì, il primo ministro britannico Boris Johnson ha firmato il futuro accordo di partenariato post-Brexit raggiunto con l'Unione europea alla vigilia di Natale.

Il ministro francese per gli affari europei Clement Beaune ha detto al canale francese LCI che l'UE non ha cercato di "punire" il Regno Unito per aver scelto di lasciare il blocco tenendo lunghi e intensi negoziati sulla Brexit.

"La Gran Bretagna si sta punendo con la Brexit. Non stavamo cercando di punirla. La Gran Bretagna si è resa conto che non avere accesso al mercato europeo sarebbe stato un disastro economico. Ecco perché, nell'accordo raggiunto, c'è l'accesso al mercato europeo, ma nel rispetto delle nostre condizioni e regole", ha affermato Beaune il 31 dicembre proprio quando il periodo di transizione per la Brexit si conclude oggi.

Beaune ha descritto questo martedì come un giorno storico ma triste "perché quando un Paese lascia l'UE per la prima volta dopo 45 anni di convivenza, è triste". "La Brexit deve essere una lezione che ci deve portare avanti in meglio, più velocemente e più forti come europei", ha aggiunto.

La firma dell'accordo

Giovedì, l'accordo sulla Brexit della vigilia di Natale ha ricevuto il consenso reale che ha consentito al governo di attuare e ratificare l'accordo commerciale del Regno Unito con l'Unione europea.

La dichiarazione di Beaune arriva appena un giorno dopo che il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel hanno firmato l'accordo sul commercio e sulla cooperazione post-Brexit con il Regno Unito, che è stato definitivamente raggiunto la scorsa settimana dopo diversi mesi di negoziati. Nel corso della giornata, Boris Johnson ha firmato un accordo di partnership mentre i legislatori britannici hanno approvato l'accordo.

La controversia sui diritti di pesca era uno dei tre principali punti critici, insieme alla governance e agli standard comuni nei negoziati tra il Regno Unito e l'Unione Europea.

Il 24 dicembre il Regno Unito e l'Unione Europea sono giunti a un accordo sui termini delle loro future relazioni, che comprendeva un accordo globale di libero scambio e una serie di altri accordi in materia di migrazione.

Il Regno Unito ha finalmente lasciato l'Unione Europea il 31 gennaio, più di tre anni e mezzo dopo il referendum del giugno 2016 che ha avviato il processo Brexit, sebbene Londra e Bruxelles abbiano trascorso i restanti 11 mesi dell'anno in una disputa sui termini di un  futuro accordo di partnership che è stato finalmente raggiunto la vigilia di Natale.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала